Home / News / 500 g in Volo, la storia di Adele Volo

500 g in Volo, la storia di Adele Volo

15 ottobre 2020, giornata mondiale della consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile. E’ proprio in una giornata così delicata che abbiamo voluto raccontarvi la storia di Adele Volo, un piccolo angioletto, nata con 500 g e di cognome Volo, che è venuta a mancare pochi mesi fa, dopo aver lottato come una forte guerriera per otto lunghi mesi in terapia intensiva.

La mamma della piccola Adele ha deciso di raccogliere le sue emozioni e di incanalarne in qualcosa di bello e artistico, una canzone per sentirsi accanto a lei. La sua mamma e il suo papà desiderano che queste semplici ma significative parole che compongono il brano arrivino fino lassù affinché lei possa sentirle e possano inoltre lasciare un memoriale alla sua gemellina Mia e a suo fratello maggiore Tommaso.

La canzone “500 g in Volo” vuole ricordare tutti i piccoli angioletti volati in cielo e incoraggiare tutte le persone che soffrono e che hanno passato situazioni simili a non tenersi tutto dentro ma a parlare in quanto è la miglior cura possibile.

Il pezzo, così intenso e commovente è stato scritto da Anna Pegan e Federico Madon, interpretato da Malibù & Claudia. La produzione è di Alessandro Giorgiutti e la copertina di Alvise Nardi. Coinvolta nel progetto anche l’Associazione Scricciolo dell’Ospedale Burlo Garofolo di Trieste che ha vissuto da vicino la storia della piccola Adele.

Per ascoltare “500 g in Volo” con una breve introduzione alla sua storia da guerriera:

Prova anche

Il depuratore di Servola apre le sue porte ai cittadini

Lo sapevate che Trieste ha l’unico depuratore al mondo che…”parla con il mare” e che …

Traviata in streaming rinviata

Causa Covid slitta a data da destinarsi la Traviata, nuova produzione del TeatroVerdiTS. A comunicarlo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + dodici =