Cultura Spettacoli

Al Magazzino 26 lo spettacolo che narra l’emigrazione triestina

today1 Dicembre 2019

Sfondo
share close
AD

Inizia martedì la prevendita  dello  spettacolo multimediale “Triestini d’oltremare – Frammenti di una storia”.  Realizzato nell’insolita cornice del Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste dal 5 all 19 dicembre. Lo spettacolo, – prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con il sostegno del Comune di Trieste – tesse in un racconto le testimonianze dell’emigrazione del secondo dopoguerra verso l’Australia e le Americhe. Originale il format. Concepito in modo itinerante vedrà il pubblico in movimento attraversare quattro sale del Magazzino per immergersi passo dopo passo nelle storie dell’emigrazione attraverso le video-interviste di chi  l’emigrazione l’ha vissuta sulla propria pelle, accompagnate  da immagini raccolte e dalle testimonianze epistolari interpretate dai due attori protagonisti Andrea Germani e Romina Colbasso. Il progetto, su idea del Teatro Stabile direttore Franco Però, nasce dalla riflessione e dalla ricerca che il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, con il sostegno del Comune di Trieste, ha avviato sul tema dell’emigrazione. Molte le famiglie che  – per ragioni economiche e per mancanza di lavoro – furono spinte a partire  dal secondo conflitto mondiale, fino alla metà degli anni Sessanta e oltre.  Il Magazzino, con le sue grandi sale, simili ai tanti luoghi di sbarco che accolsero quei triestini è sembrato il luogo più adatto a evocare questa emigrazione, a ricordare le navi che salpavano dalla Stazione Marittima di Trieste e le emozioni del viaggio, dell’arrivo nei paesi lontani e delle nuove vite che attendevano all’orizzonte. Grazie al contributo degli scritti di studiosi che si sono occupati dell’argomento, dell’Associazione Giuliani nel Mondo – oltre  a quello generoso di molti triestini di oggi, che hanno risposto alla richiesta del Teatro e hanno condiviso i ricordi delle loro famiglie – grazie al ricco archivio della Fototeca Comunale, il racconto che si seguirà in scena è intessuto delle memorie dei Triestini d’Oltremare: memorie vive, toccanti che è giusto rappresentino una pagina di storia condivisa e nota della città. Partecipa al progetto un gruppo di studenti del liceo “F. Petrarca” per la importante raccolta delle testimonianze e per la parte musicale, della collaborazione del Conservatorio statale di musica “Giuseppe Tartini” di Trieste. A coordinarli e a curare elaborazione drammaturgica e la messinscena sono stati Andrea Germani e Romina Colbasso, attori della Compagnia del Teatro Stabile che saranno impegnati anche in scena.La cineasta Erika Rossi invece ha firmato l’editing video dello spettacolo. Per la serata inaugurale del 5 dicembre con inizio alle ore 19.30, il Comune di Trieste mette a disposizione della cittadinanza 60 posti gratuiti che si potranno ritirare – fino ad esaurimento – alla Biglietteria del Politeama Rossetti a partire dal 3 dicembre. Le repliche di “Triestini d’oltremare-frammenti di una storia” alterneranno spettacoli mattutini e pomeridiani.  Tutte le informazioni sul sito www.ilrossetti.it e presso le biglietterie e i consueti punti vendita del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

Cultura Spettacoli

Una potente Turandot al Teatro VerdiTS

Era dal 2005 che non veniva rappresentata la Turandot a Trieste. L’opera più complessa di Giacomo Puccini, l’ultima delle sue composizioni con cui il musicista  ebbe un rapporto contrastato al punto da lasciarla incompiuta. C’era attesa dunque per il ritorno del titolo in cartellone che quest’anno avvia, assieme all’Aida, la stagione lirica. E l’attesa non è stata delusa. Il dramma lirico in tre atti e cinque quadri, su libretto di […]

today30 Novembre 2019

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

1 × cinque =


Sciroppo di Trap

con Jo dj
0%