News

Al Verdi di Trieste la favola in danza dello Schiaccianoci di Ciajkovskij

today14 Dicembre 2016

Sfondo
share close
AD

Uno dei balletti piú amati di tutti i tempi, Lo Schiaccianoci,  torna da stasera al  Teatro Verdi di Trieste per festeggiare il Natale all’insegna della tradizione. Con le incantevoli musiche di Ciajkovskij arriva in un allestimento tutto italiano,  omaggio a “uno dei più bei doni della danza- come lo definì il ballerino e coreografo di fama internazionale George Balanchine –  non soltanto per i bambini, ma per chiunque ami l’elemento magico del teatro” .
Grazie alla regia e alla coreografia di Amedeo Amodio, alle scene e ai costumi originali di Emanuele Luzzati, di per sé un’opera d’arte, il balletto proposto al pubblico al Verdi è senz’altro uno degli Schiaccianoci più interessanti e magici della storia della danza e il più possibile fedele al racconto originale di Hoffmann: la realtà vista con gli occhi di una bambina, Clara, che conserva il senso del fantastico presente nel quotidiano dove i confini tra il mondo dell’immaginario  e la realtà si confondono.

Prodotto  dalla Daniele Cipriani Entertainment  vede in scena  ben 37 professionisti tra danzatori, un trampoliere, e  le ombre ideate da Teatro Gioco Vita.  Tra i primi ballerini si alternano due coppie di protagonisti di primissimo livello: i principals del New York City Ballet Ashley Bouder e Andrew Veyette a cui si alterneranno Anbeta Toromani e Alessandro Macario del Teatro di San Carlo di Napoli, un  gradito ritorno a Trieste per entrambi dopo il grande successo nel balletto in scena per la passata Stagione.

L’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste sarà diretta da Alessandro Ferrari,  che a  21 anni già faceva parte dei  primi violini dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’Orchestra Filarmonica della Scala e con alle spalle già  prestigiose collaborazioni e incarichi internazionali.

La favola di Clara e lo Schiaccianoci rimane in scena al Teatro Verdi di Trieste sino a domenica per festeggiare l’arrivo del Natale con uno spettacolo di balletto senza tempo e per tutte le età.

 

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

News

ModoDiVerso

Biografia I Mododiverso sono una band italiana del pordenonese (Friuli Venezia Giulia) composta da quattro musicisti, Efrem Farieri chitarra e voce, Marco Piccirillo chitarra e voce, Giuseppe Farieri batteria e Alessandro Da Re al basso. Si conoscono tra i banchi di scuola, crescono insieme condividendo la passione per la musica tramandata dai genitori, iniziando così ad esibirsi in piccoli concerti organizzati tra gli studenti alle assemblee d’istituto solastiche. Imparano a […]

today10 Dicembre 2016

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

due + quattordici =


News

Al Verdi di Trieste la favola in danza dello Schiaccianoci di Ciajkovskij

today14 Dicembre 2016

Sfondo
share close
AD

Uno dei balletti piú amati di tutti i tempi, Lo Schiaccianoci,  torna da stasera al  Teatro Verdi di Trieste per festeggiare il Natale all’insegna della tradizione. Con le incantevoli musiche di Ciajkovskij arriva in un allestimento tutto italiano,  omaggio a “uno dei più bei doni della danza- come lo definì il ballerino e coreografo di fama internazionale George Balanchine –  non soltanto per i bambini, ma per chiunque ami l’elemento magico del teatro” .
Grazie alla regia e alla coreografia di Amedeo Amodio, alle scene e ai costumi originali di Emanuele Luzzati, di per sé un’opera d’arte, il balletto proposto al pubblico al Verdi è senz’altro uno degli Schiaccianoci più interessanti e magici della storia della danza e il più possibile fedele al racconto originale di Hoffmann: la realtà vista con gli occhi di una bambina, Clara, che conserva il senso del fantastico presente nel quotidiano dove i confini tra il mondo dell’immaginario  e la realtà si confondono.

Prodotto  dalla Daniele Cipriani Entertainment  vede in scena  ben 37 professionisti tra danzatori, un trampoliere, e  le ombre ideate da Teatro Gioco Vita.  Tra i primi ballerini si alternano due coppie di protagonisti di primissimo livello: i principals del New York City Ballet Ashley Bouder e Andrew Veyette a cui si alterneranno Anbeta Toromani e Alessandro Macario del Teatro di San Carlo di Napoli, un  gradito ritorno a Trieste per entrambi dopo il grande successo nel balletto in scena per la passata Stagione.

L’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste sarà diretta da Alessandro Ferrari,  che a  21 anni già faceva parte dei  primi violini dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’Orchestra Filarmonica della Scala e con alle spalle già  prestigiose collaborazioni e incarichi internazionali.

La favola di Clara e lo Schiaccianoci rimane in scena al Teatro Verdi di Trieste sino a domenica per festeggiare l’arrivo del Natale con uno spettacolo di balletto senza tempo e per tutte le età.

 

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

News

ModoDiVerso

Biografia I Mododiverso sono una band italiana del pordenonese (Friuli Venezia Giulia) composta da quattro musicisti, Efrem Farieri chitarra e voce, Marco Piccirillo chitarra e voce, Giuseppe Farieri batteria e Alessandro Da Re al basso. Si conoscono tra i banchi di scuola, crescono insieme condividendo la passione per la musica tramandata dai genitori, iniziando così ad esibirsi in piccoli concerti organizzati tra gli studenti alle assemblee d’istituto solastiche. Imparano a […]

today10 Dicembre 2016

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

tredici + tredici =


Cultura Spettacoli

Al Verdi di Trieste la favola in danza dello Schiaccianoci di Ciajkovskij

today14 Dicembre 2016

Sfondo
share close
AD

Uno dei balletti piú amati di tutti i tempi, Lo Schiaccianoci,  torna da stasera al  Teatro Verdi di Trieste per festeggiare il Natale all’insegna della tradizione. Con le incantevoli musiche di Ciajkovskij arriva in un allestimento tutto italiano,  omaggio a “uno dei più bei doni della danza- come lo definì il ballerino e coreografo di fama internazionale George Balanchine –  non soltanto per i bambini, ma per chiunque ami l’elemento magico del teatro” .
Grazie alla regia e alla coreografia di Amedeo Amodio, alle scene e ai costumi originali di Emanuele Luzzati, di per sé un’opera d’arte, il balletto proposto al pubblico al Verdi è senz’altro uno degli Schiaccianoci più interessanti e magici della storia della danza e il più possibile fedele al racconto originale di Hoffmann: la realtà vista con gli occhi di una bambina, Clara, che conserva il senso del fantastico presente nel quotidiano dove i confini tra il mondo dell’immaginario  e la realtà si confondono.

Prodotto  dalla Daniele Cipriani Entertainment  vede in scena  ben 37 professionisti tra danzatori, un trampoliere, e  le ombre ideate da Teatro Gioco Vita.  Tra i primi ballerini si alternano due coppie di protagonisti di primissimo livello: i principals del New York City Ballet Ashley Bouder e Andrew Veyette a cui si alterneranno Anbeta Toromani e Alessandro Macario del Teatro di San Carlo di Napoli, un  gradito ritorno a Trieste per entrambi dopo il grande successo nel balletto in scena per la passata Stagione.

L’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste sarà diretta da Alessandro Ferrari,  che a  21 anni già faceva parte dei  primi violini dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’Orchestra Filarmonica della Scala e con alle spalle già  prestigiose collaborazioni e incarichi internazionali.

La favola di Clara e lo Schiaccianoci rimane in scena al Teatro Verdi di Trieste sino a domenica per festeggiare l’arrivo del Natale con uno spettacolo di balletto senza tempo e per tutte le età.

 

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

News

ModoDiVerso

Biografia I Mododiverso sono una band italiana del pordenonese (Friuli Venezia Giulia) composta da quattro musicisti, Efrem Farieri chitarra e voce, Marco Piccirillo chitarra e voce, Giuseppe Farieri batteria e Alessandro Da Re al basso. Si conoscono tra i banchi di scuola, crescono insieme condividendo la passione per la musica tramandata dai genitori, iniziando così ad esibirsi in piccoli concerti organizzati tra gli studenti alle assemblee d’istituto solastiche. Imparano a […]

today10 Dicembre 2016

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

diciannove + 7 =


0%