fbpx

Cultura Spettacoli

Al via il Festival di Trieste- il Faro della musica

today5 Settembre 2023

Sfondo
share close
AD

Al via il 5 settembre la prima edizione del festival della Società dei Concerti Trieste

Fino al 12 settembre la musica classica diverrà protagonista in diverse sedi della città di Trieste con grandi interpreti tra cui Jordi SavallMaxim VengerovAntonio Meneses e Angela Hewitt. La rassegna vedrà alternarsi Concerti sinfonici, insieme all’Orchestra del Teatro Verdi, e cameristici, eventi speciali e laboratori per le famiglie e per i più piccoli per un festival pensato per tutta la città.

 

Ospite a Teatralmente con Monica Ferri il direttore artistico Marco Seco per approfondire il programma e le novità.

5 settembre - Jordi Savall

Ad aprire il festival, martedì 5 settembreal Teatro Verdi di Trieste sarà il maestro catalano Jordi Savall, violista di fama mondiale insignito di prestigiosi premi fra cui un Grammy, assieme al suo storico ensemble Hespèrion XXI. Con la sua partecipazione al film di Alain Corneau “Tutte le mattine del mondo” (César per la migliore colonna sonora), la sua intensa attività concertistica (140 concerti l’anno) e discografica (più di 230 album di musica dal Medioevo al Barocco, portando alla luce tesori musicali ispanici e mediterranei) e con la creazione della sua etichetta Alia Vox, figura eccezionale nel panorama musicale attuale, Jordi Savall, per oltre quarant’anni,  si è dedicato alla riscoperta di tesori musicali abbandonatiA partire dagli anni ‘70 incide come solista o direttore i capolavori del repertorio per viola da gamba, divenendo rapidamente uno dei più grandi interpreti di questo strumento. Con i tre gruppi musicali Hesperion XXI, La Capella Reial de Catalunya e Le Concert des Nations, fondati insieme a Montserrat Figueras, Savall esplora e ricrea un universo di emozioni e bellezza, recuperando echi e suggestioni presenti nella nostra memoria più remota.

 

Savall arriverà a Trieste insieme all’Hespèrion XXI Ensemble – con Andrew Lawrence-King all’arpa barocca spagnola e David Mayoral alle percussioni – e proporrà “Folías & Canarios”, opere dall’Antico al Nuovo Mondo, un programma che spazia fra le Folias Antiguas, una delle svariate forme di danza e di canto di accompagnamento alla danza di origine popolare che si svilupparono nella penisola iberica nel tardo Medioevo, e le Canarios, una particolare forma di danza popolare originaria delle isole canarie. 

6 settembre - Maxim Vengerov

Gli appuntamenti del Festival di Trieste proseguiranno il 6 settembre alle 20.30 al Teatro Verdi di Trieste con il violinista Maxim Vengerovaccompagnato al pianoforte da Polina Osetinskaya.

7 settembre - Hausmusik

Il 7 settembre, per la sezione il Festival in città, si terranno diversi appuntamenti dislocati tra dimore private nella tradizione della Hausmusikalle 18 con il Quartetto Reverie e alle 19 con la violinista Eva Miola, ma anche nella Sede della Rai regionale in via Fabio Severo alle 18 con la violinista Sofia De Martis insieme al pianista Matteo Di Bella, al Conservatorio G. Tartini alle 19 con la pianista Teodora Kapinkowska e all’Antico Caffè San Marco dove alle 20.30 si esibirà il gruppo Norah Moss & The CatsInoltre alle 18 ci si potrà collegare al sito della Società dei Concerti per la diretta  streaming dalla Sala del Consiglio Comunale di Trieste per ascoltare i New Era.

I concerti sono realizzati in collaborazione con il Conservatorio G. Tartini, e saranno ad ingresso gratuito fino esaurimento dei posti disponibili (prenotazioni tramite iscrizione sul portale web del festival o come indicato sul sito a seconda del concerto).

Il fine settimana del Festival: "Percorsi"

Una sezione speciale del festival chiamata “Percorsi” sarà dedicata a Mozart con due appuntamenti al Museo Civico Sartorio l’8 settembre alle 19 e il 10 settembre, alle 11, con il Quartetto Eos.

Sabato 9 settembre alle 19.30 il Festival vedrà la partecipazione del famoso violoncellista Antonio Meneses che si esibirà nel concerto di Schumann in veste di solista con l’Orchestra del Teatro Verdi insieme al direttore d’orchestra tedesco Hartmut Haenchen che nella seconda parte dirigerà la straordinaria sinfonia Pastorale di Beethoven. 

12 settembre - Angela Hewitt

Sempre al Teatro Verdi gran finale del Festival, il 12 settembre alle 19.30, con la pianista Angela Hewitt chenel duplice ruolo di direttore e solista, suonerà i due concerti per pianoforte e orchestra più noti di Mozart in la maggiore e re minore.

Un’ora prima delle esibizioni si terrà al Teatro Verdi un incontro-aperitivo insieme agli artisti e al Direttore Artistico della Società dei Concerti M° Marco Seco che introdurranno l’ascolto al concerto. 

Appuntamenti per famiglie

Infine, ancora due appuntamenti, pensati per le famiglie, che si terranno alla Casa della Musicail primo è un laboratorio musicale per i più piccoli insieme a Vincenzo Stera dal titolo “Zoo Party: la musica e la danza degli animali” il 7 settembre, alle 17, mentre l’11 settembrealle 18, sarà la volta dello spettacolo “Una stella Marina” per le famiglie che oltre la musica dal vivo coinvolge arte e recitazione nelle speciali scenografie pop up di Annalisa Metus.

Info e contatti

 Il Festival di Trieste è organizzato dalla Società dei Concerti in co-organizzazione con il Comune di Trieste, la collaborazione del Teatro lirico Giuseppe Verdi di Trieste e il coinvolgimento del Conservatorio G. Tartini di Trieste, della Casa della Musica e con il fondamentale contributo del main sponsor Banca360FVG, dei mecenati Artbonus Generali Italia Spa, Farmacie Neri Srl e Fondazione Kathleen Foreman Casali.

Le informazioni su biglietteria, acquisto e riduzioni sono indicate in dettaglio, per ciascun concerto, sul sito del festival www.societadeiconcerti.it/fest23

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

0%