ascolta live streaming 
Home / News / Musica / All You need is…..Beatles

All You need is…..Beatles

Piú di un gustoso amarcord, è un concerto ricco di filologica passione per le musiche dei Beatles quello proposto ieri sera al Teatro Comunale di Monfalcone. Protagonista la Magical Mystery Orchestra, ensamble veneto che dal 1991, interpeta e riproduce lo spirito dei “favolosi quattro” di Liverpool.
Non solo una band, la formazione vanta una una sezione fiati e un quartetto d’archi, che contribuiscono all’immersione totale nell’universo dei Beatles. Si inizia con “Because”, cantata rigorosamente a cappella con maestria, per procedere serratamente attraverso quelle canzoni, che i Beatles componevano ed eseguivano in sala di registrazione, sperimentando formule e armonie che incantano ancora oggi . Da “Hello Goodbye” a “Love Me Do”, da “I Want To Hold Your Hand” a “Paperback Writer”.
Ma alla MMO piace seprimentare e contaminare le musiche dei Quattro di Liverpool con le sonorità degli altri: come gli americani Beach Boys – proponendo un medley fra “Sgt. Pepper’s” e “Good Vibrations”- o come quando partendo dal ritmo di “We Will Rock You” dei Queen proseguono con il motivo di coda di “Hey Jude”.
Nel corso della serata ai successi mondiali, “Yellow Submarine” o “All You Need Is Love” , tanto per citare alcune, alternano composizioni di pura sperimentazione come quella che John Lennon scrisse sulla scia di influenze induiste, “The Void “ (il Vuoto) per poi assumere il titolo definitivo poi di “Tomorrow Never Knows”, brano tra i piú suggestivi tra quelli riproposti da MMO e uno dei più sperimentativi nella composizione in studio dei Beatles per le influenze indiane e le esperienze meditative con lo Yogi Maharishi.
La serata scivola leggera, riproponendo le atmosfere piú variegate che i Fabolous Four seppero toccare in “solo” 10 anni di attività: da quelle hippy con “ While My Guitar Gently Weeps” a quelle grintose di “Sgt. Pepper’s”, passando per l’ironia insita in “You Know My Name” (composizione in 6 parti ma con una strofa sola), non tralasciando quelle sognanti di “ Here Comes The Sun” o romantiche “A Long And Winding Road” o di “Yesterday”, primo dei numerosi bis richiesti dal pubblico, a cui fanno seguito “Twist And Shout” e “Hey Jude”.
Due ore di concerto che è un viaggio tra le note dei Beatles, impreziosito dalla accurata preparazione e ricerca filologica di MMO, arricchito dalle suggestive multivisioni di Francesco Lopergolo che contribuiscono a ricreare le atmosfere londinesi degli Anni 60. A ciò si aggiunge la presenza dell’attore Giorgio Bertan e la spiccata simpatia veneta, che trapela dal gruppo. Insieme danno vita ad alcune trovate sceniche, dal gusto goliardico, per uno spettacolo che non racconta i Beatles ma ce li fa vivere insieme allo spirito del loro tempo.

Prova anche

Cantine Aperte 2019

Manca poco alla 27esima edizione di Cantine Aperte, l’appuntamento preferito di tutti gli eno-appassionati, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 11 =