Home / #Barcolana52 / BARCOLANA 52 – Barcolana Young

BARCOLANA 52 – Barcolana Young

Alessandro Bonifacio, direttore sportivo giovanile della SVBG:Barcolana Young sarà un’occasione per ritrovarsi dopo un lockdown molto pesante per i ragazzi?

E’ un’annata di difficoltà per tutti che non ha risparmiato nemmeno lo sport e in questa situazione i giovani sono quelli che hanno pagato il prezzo più alto. La vela però, svolgendosi all’aria aperta, pur sempre in un contesto di estrema difficoltà e con diverse limitazioni, ha avuto la possibilità di ripartire prima di tante altre attività e possiamo ritenerci privilegiati.

Barcolana Young apre la 52esima Barcolana con dei rinnovati riconoscimenti e in sicurezza.

I protocolli federali garantiscono una cornice di sicurezza: fortunatamente la maggior parte delle attività si svolge in mezzo al mare su barche singole e ciò offre la possibilità di procedere con grande libertà di azione. A terra però molti degli appuntamenti del nostro tradizionale programma, sono stati riletti in chiave diversa, come la famosa estrazione dei premi offerti dalla Fondazione CR Trieste che non vedrà svolgersi quel momento di festa e di grande aspettativa tra i giovani, ma verrà effettuata comunque in modalità online.

Per la terza volta Barcolana Young sarà tappa del trofeo Optimist Italia Kinder Joy of Moving

Essere parte di questo circuito è un onore soprattutto in questo 2020 poiché Trieste sarà l’unica tappa della stagione a svolgersi. Nonostante il grande ridimensionamento subito per motivi di sicurezza, per noi è un grandissimo riconoscimento e motivo di grande soddisfazione oltre che uno stimolo per l’organizzazione per continuare a lavorare sempre con impegno. Sabato 3 e Domenica 4 ottobre sei prove dedicate ad agonisti e pre-agonisti vedranno i giovani atleti nelle mani del vento, le cui condizioni sono inaspettate, ma questa rimane una delle cose che più ci piace di questa nostra passione.

Quale augurio vorresti fare ai tuoi giovani atleti ma anche a tutti i ragazzi appassionati di sport?

Avere la capacità e la maturità di imparare a vivere questa nuova normalità. Siamo privilegiati dal punto di vista sportivo perché praticare uno sport all’aria aperta e in mezzo al mare ci dà un vantaggio in quanto a sicurezza. Ci vuole però anche grande responsabilità da parte di tutti, ma il comportamento che abbiamo visto tenere finora ci fa ben sperare.

Prova anche

Nuovo DPCM: una riflessione con il Presidente Fedriga

Una riflessione con il Presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga sull’uscita del nuovo DPCM. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + quindici =