ascolta live streaming 
Home / News / Lifestyle / Attualità / Confcommercio on air: la detrazione del 50% per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

Confcommercio on air: la detrazione del 50% per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

 

LA DETRAZIONE DEL 50% PER ACQUISTO DI MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI

 

Con la nuova legge di stabilità, il Governo molto probabilmente prorogherà a tutto il 2014 la detrazione del 50% per acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Intanto si ritiene utile fare il punto delle condizioni per poter usufruire dell’agevolazione, la quale al momento spetta per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 ed è calcolata su un ammontare non superiore a 10.000,00 euro, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo.

L’agevolazione spetta solo per coloro che usufruiscono della detrazione del 50% per interventi di recupero del patrimonio edilizio e che abbiano sostenuto le relative spese dal 26 giugno 2012.

Le spese per l’acquisto dei beni agevolabili possono essere sostenute anche prima di quelle relative all’intervento edilizio, sempreché siano già avviati i lavori di ristrutturazione dell’immobile cui i detti beni sono destinati.

A titolo esemplificativo:

sono agevolabili, gli acquisti di “letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione”e non è necessario che gli stessi siano destinati all’arredo dello specifico “ambiente” dell’immobile oggetto di intervento edilizio.

non sono agevolabili, gli acquisti di “porte, di pavimentazioni (ad esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo”.

Sono altresì agevolabili le spese sostenute per l’acquisto di “grandi elettrodomestici” purché muniti di etichetta energetica, rientranti nella categoria A+ e A per i forni (ad esempio, frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento). Nella spesa agevolabile sono comprese le relative spese di trasporto e montaggio.

Il pagamento deve essere effettuato con apposito bonifico bancario o postale contenente causale (art. 16-bis del TUIR), codice fiscale del beneficiario partita IVA / codice fiscale del fornitore. Tuttavia, il pagamento potrà anche avvenire mediante l’utilizzo di carte di credito o debito. In tal caso dovrà essere conservata la ricevuta di avvenuta transazione, unitamente alla fattura di spesa e all’estratto conto bancario che attesta l’avvenuto pagamento.

Non è possibile effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di i pagamento.

 

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Gianluca Gioffrè al numero 040/7707/345 oppure scrivere a [email protected]