ascolta live streaming 
Home / News / Cultura Spettacoli / Debutto fortunato per Trieste Tango Festival

Debutto fortunato per Trieste Tango Festival

Bravi, bravissimi. Stiamo parlando dei Color Tango, la famosa orchestra argentina che ieri sera ha inaugurato al Molo IV, in una sala Agorà gremita di appassionati, il primo Festival del tango organizzato a Trieste. La formazione, una delle migliori al mondo, ha estasiato i presenti – provenienti per l’occasione anche da fuori regione – non solo per la loro bravura e professionalità . Poco più di un’ora di esibizione (nel cuore della notte come è tipico degli argentini) per una ventina di pezzi a partire da La Yumba (1943) – l’inno dell’orchestra di Osvaldo Pugliese che segnò l’avanguardia di un tango nuovo per i tempi in cui fu scritto – per finire con il ritmo incalzante e coinvolgente di Miloga de mis amores di Laurenz-Contursi. In mezzo tante pietre miliari della musica argentina, tango, vals e milonghe, in versione strumentale o anche cantati magnificamente dal vivo. Ma ciò che è piaciuto, è stata anche armonia del suono (quella che nasce dalla perfezione) e la loro simpatia. A partire dal padre fondatore dell’orchestra, Roberto Alvarez che suonò e compose per Pugliese, capace – lui che da decenni oramai gira il mondo – di far sentire a proprio agio i presenti, i ballerini di questo festival che, a loro volta, hanno ringraziato tributandogli una standing ovation finale.
A seguire un’altra chicca preziosa del festival voluto dalla GB School di Trieste di Guillermo Berzins: l’esibizione dei maestri argentini Roberto Reis e Natalia Lavanderia. Dinamismo, tecnica, perfezione e grazia. Questi gli elementi del loro stile che hanno affascinato anche ieri sera per una esibizione carica di energia e che ha strappato, anche per loro, applausi e chiamate di bis. Insomma non poteva non debuttare nel migliore dei modi questa kermesse che ha lo scopo di riunire gli appassionati, richiamandoli dall’Italia, Slovenia e Austria.

E oggi il festival continua, sin dal pomeriggio, con lo stage assieme agli Hermano Macana, coppia tutta maschile e funambolica di fratelli argentini, che spopolano nei teatri e nelle milonghe di tutto il mondo. Porteranno in città la personale interpretazione del tango. Con loro vedremo unite maestria e ironia e un pizzico di acrobazia. Dal vivo invece si esibiranno i Tango Spleen, interpreti del tango contemporaneo, una delle orchestre più apprezzate attualmente, con i rimandi al jazz e alla musica classica.
Dalle 21.30 si ricomincia poi nella suggestiva cornice della sala Agorà del molo IV. Musica, ballo e tradizione sino alle prime luci dell’alba. Un angolo di Argentina in riva al mare.

Prova anche

Radio Punto Zero arriva alla Barcolana

Venite a trovarci nel nostro stand al Villaggio Barcolana sulle Rive di Trieste e non …