Home / News / Cultura Spettacoli / Elio e il suo Grigio a teatro

Elio e il suo Grigio a teatro

Parla di amore, ma non è  melenso,  di umanità  senza cadere nell’ipocrisia, e di molto altro ancora. Il “Grigio” racconto teatrale che Giorgio Gaber e Sandro Luporini scrissero nel 1989, ritorna a teatro in un’ottima versione attualizzata.  In scena al Teatro Rossetti lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile di  Genova. Protagonista un Elio ( ex Storie Tese) in gran forma scenica che dona ritmo e anima al monologo che fotografa con ironia solitudine e mediocrità della nostra contemporaneità.

Il Grigio non è altro che un topo, compagno di vita occasionale del protagonista solitario. Ma quel topo, che non si lascia catturare, che illude e spaventa, esaspera e distoglie, diventa allegoria de “i mostri della nostra vita” e promotore di un “flusso di coscienza” dell’uomo che si interroga sui temi esistenziali  dall’amore alla falsa morale, dalla bellezza al  senso della vita. 

Il regista Giorgio Gallione nell’ultimo decennio si è confrontato più volte con l’opera di Gaber e Luporini (da “Io quella volta lì avevo venticinque anni” con Claudio Bisio agli spettacoli con Neri Marcorè “Un certo Signor G” ed “Eretici e Corsari”), coltivava da tempo l’idea di mettere in scena questo testo e ne delinea  in precise linee registiche quel mix, geniale, di astrazione e immedesimazione che cratterizzano questo testo.

 Avvicinandosi oggi a questo capolavoro, con la benevola supervisione della Fondazione Gaber, Gallione ha dato vita a un adattamento in cui una decina di canzoni di Gaber, intersecandosi con il testo originale, ne amplificano le tematiche sottese. I brani sono stati riarrangiati per l’occasione da Paolo Silvestri, già complice delle precedenti incursioni del regista nell’universo gaberiano, utilizzando quattro parti pianistiche: un’ambientazione musicale estremamente contemporanea, perfetta per il talento eccentrico ed irriverente di Elio dona nuova linfa al  testo ricco di spunti ironici e intelligenti, frasi semplici e come sempre pungenti. “ Non si può vivere… in quel raffreddore dell’anima. È per questo che si ha bisogno di un nemico… sì, anche inventato”. Un Gaber che parla ancora a noi.

L’intero importo raccolto dall’acquisto dei biglietti è devoluto al Centro The Human Safety Net – Ora di Futuro di Trieste, gestito dalla Onlus CSB – Centro per la Salute del Bambino, che ha sede a Valmaura e ed è impegnata nel programma per le Famiglie.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Prova anche

Friuli Venezia Giulia, gli ultimi aggiornamenti con il Presidente Fedriga

Gli ultimi aggiornamenti sulla situazione in Friuli Venezia Giulia dopo l’entrata in vigore della nuova …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + otto =