fbpx

News

‘Futuro Anteriore’ è il tema Udine Design Week 2024

today23 Febbraio 2024

Sfondo
share close
AD

La Udine Design Week, l’evento per aprire a tutti l’affascinante mondo del design, ritorna dal 2 al 17 marzo con tre fine settimana alla scoperta del design in città. Tema per il 2024: futuro anteriore. 

In questo servizio un’anteprima con Anna Lombardi, direttrice artistica, Alberto Sdegno, professore dell’Università di Udine e Federico Pirone, assessore alla cultura del Comune di Udine.

Tema e appuntamenti dell'edizione 2024

Il tema scelto è FUTURO ANTERIORE. Riprogettare, riproporre, riesaminare.
Nella grammatica italiana è un tempo verbale che esprime fatti proiettati nel futuro ma avvenuti prima di altri. Nel design, oggi: non occorre inventare oggetti nuovi ma piuttosto partire dal grande design per progettare il futuro.

Per questo alle Gallerie del Progetto dei Civici Musei di Udine in mostra ci sono una serie di oggetti iconici degli anni ’50, ’60 e ’70: rappresentano il ‘tempo anteriore’. Raggruppati per materiale, sono visibili un originale della sedia Leggera di Gio Ponti, la Tric dei fratelli Castiglioni, esempi di design danese, il telefono Cobra, e molto altro ancora. Il ‘tempo futuro’ è declinato tramite le riproduzioni, in scala reale e in cartone, di alcuni classici del design a firma femminile: Eileen Grey, Charlotte Perriand, Gae Aulenti, Cini Boeri, Anna Castelli, cartone a sottolineare come il cambio di materiali può essere un cambio di paradigma progettuale e produttivo ormai necessario. Uno spazio è dedicato ai designer friulani che hanno saputo rivisitare le icone del passato facendole diventare successi del presente. Tra questi le lampade in carta di Carlo Cumini, ispirate a Isamu Noguchi, i candelabri in peltro di Roberto Barazzuol, ispirati agli anni ’60, la Sedia Her disegnata da Enrico Franzolini, re-design di un classico del design, la sedia Thonet. Spazio anche a due designer friulani fuori dagli schemi: Riccardo Rivoli, progettista e imprenditore, e Edi e Paolo Ciani, il cui studio è dotato di macchinari all’avanguardia per offrire un servizio che dall’ideazione arriva alla prototipazione. Mappa google e app dedicata a portata di mano, si potrà girare in città a scoprire dove il design è di casa, in quei bar e negozi dove gli oggetti di design fanno parte dell’arredamento.

 

All’InfoPoint Udine Design Week si possono prendere informazioni sulla manifestazione ma soprattutto sperimentare il Tour Virtuale delle mostre online del MuDeFri.

 

Spazio alle Donne Designer della regione nella storica Galleria La Loggia, da Cristina Celestino ed Elisa Gargan, milanesi di adozione ma friulane di origine, ad altre operative in città.

 

Al Polo Scientifico dell’Università di Udine si terrà un convegno con la Fondazione Symbola dove, insieme ai rappresentanti del mondo imprenditoriale e della cultura del progetto si indagherà il ruolo e l’impatto economico che Architettura e Design hanno avuto e potrebbero avere nella nostra regione.

 

In pieno centro il confronto fra passato e futuro sarà plasticamente espresso da una 500 originale e una Nuova 500 elettrica e sostenibile.

 

Fiore all’occhiello è la collaborazione con scuole medie superiori e Università di Udine, Advanced 3D LAB del Dip. Politecnico di Ingegneria e Architettura. A consolidare l’idea che non occorre inventare niente di nuovo lo stesso allestimento della mostra principale, ai Civici Musei, progettato e realizzato, dagli studenti dell’ ISIS Fermo Solari di Tolmezzo è l’applicazione della ‘Proposta di progettazione di Enzo Mari del 1974’. La vestizione grafica è progettata dall’ISIS Raimondo D’Aronco di Gemona all’insegna dell’accessibilità con testi redatti secondo le linee guida per la leggibilità del patrimonio museale da parte dei disabili, tradotte in braille. Studenti e studentesse dell’ ITS Deledda Fabiani di Trieste hanno realizzato una mostra a tema in Realtà Aumentata mentre l’app dedicata è stata realizzata dall’ ITS GianGiacomo Marinoni. Il Liceo Scientifico Niccolò Copernico ha attivato i Ciceroni del design per visite guidate.

L'evento

L’iniziativa è promossa dal Museo del Design del Friuli Venezia Giulia, MuDeFri in collaborazione e con il sostegno del Comune di Udine e dei Civici Musei, con il patrocinio di Confapi FVG e dell’Università di Udine, e il sostegno di Promoturismo e Fondazione Friuli. Singole mostre sono sponsorizzate da Prontoauto, Riccardo Rivoli Design Atelier, Modonutti, Altacucina.

Scritto da: Maria

Rate it

RPZ at Night

il notturno d Radio Punto Zero
0%