Home / News / Musica / Rivive il fascino del Cotton club al Teatro Bobbio

Rivive il fascino del Cotton club al Teatro Bobbio

Un tuffo nell’America, a cavallo fra la metà degli Anni ‘20 e quella degli Anni‘30, in una New York frizzante per ritmo e ricerca di esotismo musicale.
La Trieste Early Jazz Orchestra (Tejo), band di 11 elementi, diretta dal frizzante maestro Livio Laurenti, è stata protagonista sabato sera al Teatro Bobbio, a Trieste, con un programma esplosivo, secondo il gusto del jazz di prima generazione, quando nella sua forma primordiale coinvolgeva le masse e rappresentava in musica la vivacità di una megalopoli come New York.
Una ventina i brani che hanno ricreato le atmosfere spensierate del celebre nigh club di Harlem, il Cotton club, che in quegli anni ospitò i principali protagonisti, artisti, ballerini, musicisti che animarono la vita cittadina.
Laurenti ha proposto la classica formazione della “small band” con una sezione ritmica ben preparata, che ricrea i ritmi travolgenti con battute quasi esclusivamente in levare. Da “ Variety stomp”, brano con cui si è aperta la serata, a “Happy feet” di Paul Whiteman, bis apprezzatissimo dalla sala gremita, passando per “Oh, Monah” – momento di grande divertimento per il pubblico per l’ironica interpetazione proposta dalla band – “Rumba Negro”, “The Terror” di Cliff Jackson. Una capatina poi nella sonorità musicale afroamericana con “ L.L. Blues”, per arrivare ai brani di musicisti famosi come Gershwin, Luis Amstrong e Duke Ellington o ,anche, di Sidney Becheir, quel “Si tu vois ma mére” che Woody Allen ha utilizzato come colonna sonora nel suo film “Midnight in Paris” .
Ad arricchire la serata anche il piacevole contributo vocale di Paolo Venier e quello danzante dei “Tuttappini”, gruppo di 8 ballerini di tip tap, guidati da Michela Bianco, oltre agli intervalli commentati dello stesso Laurenti, dotato indubbiamente di notevole “morbin”, di una godibilissima capacita di intrattenimemento tra un brano e l’altro oltre che di narrazione storica. Tutti insieme a ricreare quel mondo lontano del Cotton club, sulla 142 Strada, e a offrire con leggerezza e un sorriso un momento di cultura musicale.

Prova anche

“Nuovo Cine Swarovsky” apre la Stagione Teatrale della Contrada

Debutta in prima nazionale venerdì 18 ottobre “Nuovo Cine Swarovsky”  la nuova produzione della Contrada …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + undici =