ascolta live streaming 
Home / News / 101 Eventi / I Concerti del Conservatorio Tartini

I Concerti del Conservatorio Tartini

Lunedì 26 Marzo in vista della Pasqua al Teatro Verdi – sala ridotto, sarà di scena l’Orchestra del Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste  preparata da Fabio Pirona nei “Concerti Grossi” del ‘900 che si ispirano a questa forma Barocca: le partiture sono datate 1952 per Ernest Bloch, 1989 per Ferenc Farkas e 1950 per Ralph Vaughan Williams.

Nel Novecento molti compositori importanti si sono ispirati a forme musicali dei secoli precedenti, Stravinsky nel neoclassicismo, Respighi nel neorinascimentale; meno rievocato è stato il mondo Barocco. Nel programma dedicato a questa serata sono presenti  tre pezzi che guardano al Concerto Grosso come forma Barocca e anche strumentale. Il Concerto Grosso, in auge nella prima metà del ‘700, vede sempre contrapposti due gruppi strumentali ben distinti: il Concertino con dei solisti e il Tutti con il resto dell’orchestra; forma che i tre compositori della serata hanno rispettato pienamente con un alternarsi che prevede delle rievocazioni Settecentesche pur non dimenticando il ‘900 secolo nel quale sono state composte.

L’Orchestra d’archi del Conservatorio “G.Tartini”, suona senza l’ausilio di un direttore perchè il lavoro svolto in sede di preparazione mira ad una concezione del quartetto d’archi esteso all’orchestra intera. L’Orchestra ha già eseguito un vasto repertorio, dal barocco del ‘900 storico e, oltre che in Regione, ha eseguito numerosi concerti in Austria, Slovenia e Bielorussia. Nel 2012 e 2013 è stata invitata al Quirinale di Roma dove ha eseguito due concerti alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana. Nell’estate del 2017 è stata invitata ad eseguire un programma vivaldiano al Festival di Minsk in Bielorussia.

Andiamo a scoprire il programma della serata:

 

Prova anche

Šmarna Miša ritorna in Val Resia

La Val Resia e i suoi abitanti sono ormai pronti alla festa religiosa più importante di tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × cinque =