Home / News / Cultura Spettacoli / Il “Blu infinito” in danza di Anthony Heinl

Il “Blu infinito” in danza di Anthony Heinl

Lunedì 14 giugno al Teatro Rossetti Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena  “Blu Infinito” dell’eVolution dance theater. Grazie alle contaminazioni coreografiche e tecnologiche del direttore artistico Anthony Heinl, lo spettacolo accompagnerà il pubblico in una fantasiosa esplorazione nel mondo dell’acqua grazie all’incantato mondo disegnato sul palcoscenico dallo spettacolo.  “Blu Infinito” segna il primo incontro del pubblico del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con l’eVolution dance theater.

 Fondata nel 2008 a Roma dal danzatore e coreografo statunitense Anthony Heinl, la compagnia si esprime in modo innovativo e insolito, fondendo  danza, acrobazia ed effetti visivi  creando spettacoli che affascinano ed ipnotizzano il pubblico. Gli artisti che la compongono sono danzatori, ginnasti, illusionisti, contorsionisti, atleti così in scena si fondono armoniosamente diverse discipline, di teatro fisico e danza.

Il successo della compagnia è riconosciuto in Italia ma anche all’estero – i suoi tour hanno toccato paesi quali Brasile, Colombia, Israele, Grecia, Hong Kong, Macao, Cina, Germania – ed associato a questa particolare poetica che li contraddistingue, con performance che sgorgano da un sapiente mix di tecnologia ed arte, e divengono esperienze visive uniche e coinvolgenti.

Risponde a questi canoni “Blu infinito”, spettacolo che inviterà gli spettatori ad abbandonarsi a seguire in modo fantasioso ed emozionale il percorso dell’acqua.  In questo viaggio si vivono avventure di cui sono protagoniste creature fantastiche che si materializzano sul palcoscenico grazie alla misteriosa maestria degli artisti, enfatizzata da una illuminazione futuristica, dal ricorso a effetti speciali e a scenari interattivi dall’uso di strutture telescopiche e dall’incredibile tecnologia del Light Wall, uno schermo interattivo sviluppato dal coreografo, che grazie ai suoi studi in chimica e fisica è sempre alla ricerca del perfetto connubio tra arte, scienza e tecnologia.

I ballerini sembrano suggerire, attraverso la loro danza e il loro trasformismo, come proprio il blu infinito sia l’origine di ogni metamorfosi, con le sue mutevoli forme e densità, con la sua capacità di avvolgere ogni cosa in un sensuale e travolgente abbraccio.

Questo mondo ricco di invenzioni, di stupore e libero da ogni limite posto all’immaginazione è la dimensione perfetta per l’eVolution dance theater che vi si addentra equilibrando gli apporti di discipline differenti, stimolando il dialogo fra la tecnologia e la performance dei poliedrici artisti che si lasciano ispirare e si mettono in discussione interagendo con giochi di laser e specchi, rifrazioni, schermi chimici che reagiscono e catturano la luce. Così ombre irreali e creature luminescenti, personaggi bizzarri e figure che non conoscono la gravità, possono divenire protagoniste dei diversi momenti dello spettacolo.

 

Il direttore artistico Anthony Heinl vanta una lunga e fortunata carriera alle spalle: debutta sui palcoscenici di musical in giovanissima età, e prima dei suoi vent’anni recita in più di 30 produzioni musicali in ruoli anche da protagonista. Fra queste figura il musical “Jesu Christ Superstar” per il Tour nel Nord America. Dopo un anno alla facoltà di Chimica e Fisica, e un anno all’estero, in Francia, a lavorare in una vineria della Valle della Loira, ritorna negli Stati Uniti e ad occuparsi di teatro.

Ha frequentato il prestigioso Boston Conservatory di Musica, Danza e Teatro, dove riceve il Jan Veen Award nel maggio 2001. Nel 2001 entra a far parte dei Momix.

Danza in molti spettacoli fra cui “Sun Flower Moon”, “Opus Cactus”, “Momix in Orbit”, “Best of Momix”, “Momix Classics” e “Supermomix” prendendo parte a tour mondiali da oltre 1500 repliche che toccano Australia, Austria, Belgio, Brasile, Cina, Canada, Cile, Dubai, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Italia, Macau, Nuova Zelanda, Singapore e Stati Uniti e molti altri ancora.

Assiste Moses Pendleton nella creazione di “Sun Flower Moon” e “Lunar Sea” e rimane nella compagnia per sei anni. Nel 2006 si trasferisce in Italia dove, in collaborazione con Emiliano Pellissari dei “NO Gravity” e Gianni Melis dei “Momix” lavora come danzatore, assistente alla coreografia e regia nello spettacolo “Comix”.

Nel 2007 lavora alla creazione e danza in “Why” di Daniel Ezralow. Nel 2008 va in scena con la sua prima produzione teatrale al Teatro Rossini a Roma, che segna l’inizio della eVolution dance theater. Nel 2009 viene chiamato dal Maestro Vladimir Derevianko, direttore artsitico del MaggioDanza di Firenze, per curare la nuova produzione “FireFly“, di cui ottime sono state le recensioni. Riveste, in eVolution dance theater, il ruolo di Direttore artistico, coreografo, danzatore, ideatore di scenografie e costumi.

 Lo spettacolo inizia alle  20.30 alla Sala Assicurazioni Generali.

In accordo alle raccomandazioni per il contenimento dell’epidemia, si consiglia di ricorrere in via preferenziale alla prenotazione e all’acquisto dal sito www.ilrossetti.it . Per informazioni sulla disponibilità di posti e altre eventuali esigenze, invitiamo a contattare la biglietteria telefonicamente, al tel. 040.3593511.

Prova anche

Giò Di Tonno, Vittorio Matteucci e Graziano Galatone In Musicall

“Parte il 2 luglio da Trieste l’avventura di Giò Di Tonno, Vittorio Matteucci e Graziano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =