fbpx

News

John Reed Fitness Music Club sbarca a Trieste

today28 Novembre 2022

Sfondo
share close
AD

Dopo Los Angeles, Berlino, Parigi, Istanbul e Vienna, JOHN REED Fitness Music Club apre le sue porte nel centro storico di Trieste. Si tratta del club numero 45 nel mondo per il marchio del colosso tedesco RSG Group, leader europeo nell’innovazione del settore ginnico. Un brand che fa dell’architettura delle location scelte, dell’arte e della musica i suoi caratteri fondanti. Da centro bancario a palestra innovativa: l’ex sede del Banco di Napoli a Trieste, situato all’angolo tra Corso Italia 5 e via Donota, è ufficialmente un centro fitness.

 

 

“RSG Group ha sempre avuto un legame affettivo con la città di Trieste, dove si respira un clima internazionale e vibrante – spiega Vito Scavo, Amministratore Unico di RSG Group Italia – Siamo un gruppo in costante crescita in Italia e il 42° centro nel paese (39 McFIT, 2 John Reed e 1 Gold’s Gym) rappresenta un punto di partenza e la volontà di continuare ad investire. Durante il 2023 abbiamo in programma altre aperture e siamo molto felici del percorso intrapreso”

 

 

La sede
L’edificio, un ex istituto bancario del ventennio fascista, è stato per anni simbolo del capoluogo del Friuli Venezia Giulia. Dismesso da anni dall’uso creditizio, è stato preso in gestione da RSG Group, la multinazionale tedesca del fitness, e trasformato in uno dei più grandi complessi fitness in Italia. Si tratta di uno spazio di 2000 metri quadrati, con 200 macchine e che potrà ospitare fino a 200 persone contemporaneamente. Un palazzo storico di quattro piani completamente rinnovato: il caveau della banca diventerà così la sala pesi, al piano terra i banconi dell’ex banca, costruiti in pietra, verranno riadattati a reception, bistrot e zona consolle per i DJ, in un ambiente rivestito con marmo. Il vasto atrio dell’ingresso potrà anche essere utilizzato anche per organizzare eventi. Il primo piano, caratterizzato da pavimenti storici in marmo e in legno, ospiterà invece la sala corsi e la zona basic, mentre il secondo piano, oltre a regalare una splendida vista sul centro storico, accoglierà la sauna e gli spogliatoi. Yoga, Pilates, Hiit, Total Body, Step Workout e tanti altri corsi.

 

 

Fitness, Musica e Design
Il marchio lancia un concetto di fitness del tutto nuovo a Trieste, dove allenamento, musica e design possono coesistere. All’interno delle John Reed Fitness Music Club, per due volte a settimana, i workout avranno un DJ set live in sottofondo, con l’obiettivo di rendere unica ed entusiasmante l’esperienza di chi si allena.
Per chi non si accontenta, John Reed Fitness Music Club organizza un Boost Club mensile appositamente ideato regalare ai propri abbonati ancora più musica e divertimento. Ogni abbonato può portare un amico esterno come ospite. Il Boost Club è una sessione di allenamento di gruppo intensivo Total Body con un trainer e la musica di un DJ dal vivo: una sessione di allenamento a circuito, caratterizzata da un grande spirito di squadra e dinamiche di gruppo motivanti.
Non c’è solo la musica a rendere innovativo il centro: anche il design e le luci hanno un ruolo fondamentale nel creare un’atmosfera da club. Chiunque si sia allenato in John Reed Fitness Music Club sa che questo è più di un semplice fitness club. John Reed combina musica, design e fitness con un’originalità senza precedenti e porta l’allenamento a un livello completamente nuovo. Non esistono due club uguali: in ogni città, l’ambiente e la scena creativa sono ripresi nel concept progettuale e implementati dagli interni attraverso opere di artisti locali. In questo modo, ogni club ha il proprio inconfondibile DNA.

 

 

Fitness e Arte
L’arte gioca un ruolo centrale nella JOHN REED Fitness Music Club in Trieste: sedici artisti internazionali, duemila metri quadri di opere dipinte e un palazzo di pregio del razionalismo italiano del ventennio fascista nel cuore della città. Peeta, Ravo, Joys, Ozmo, Rancy, Oger, Amina, Sorte, Stuer, Corvino, Fosk, Stefano e Mattia Bonora, Samuele Frosio, Ron Miller e Andrea639, i più famosi artisti che hanno fatto la storia del Writing e della Street Art, nazionale e internazionale, sono anche gli autori di monumentali opere di Urban Art all’interno dell’edificio, cimentati nell’impresa di restituire nuova vita (e colori) allo storico palazzo degli anni Trenta, trasformato in un tempio dell’Arte Urbana italiana. A guidarli, Luca Mayr, curatore e direttore artistico di Urban Colors, e Ron Miller, art director del progetto: “Le opere degli artisti comunicano a chi le osserva non solo un forte stacco dall’austerità della struttura, ma propongono una chiave di linguaggio coinvolgente nelle diverse stanze proponendo al visitatore un’esperienza non convenzionale”.

 

 

Per la prima volta in Italia, all’interno della palestra, dal 25 novembre 2022 al 24 gennaio 2023, saranno esposte circa 50 opere esclusive realizzate dagli stessi artisti che hanno preso parte alla grande operazione di Urban Art. La mostra, che sarà gratuita e aperta al pubblico, presenterà opere che richiamano quanto realizzato dagli artisti, richiamando, in ogni tela, lo stile tipico di ciascuno di loro impegnato nel progetto di riqualificazione. Uno degli artisti coinvolti è Samuele Frosio, Country Manager Italia di RSG Group.

Scritto da: Maria

Rate it

Articolo precedente

Cultura Spettacoli

Amanda Sandrelli è Lisistrata per l’ERT

Lisistrata di Aristofane, la commedia che debuttò nel 411 a.C. nel teatro di Dioniso ai piedi dell’Acropoli di Atene rivive in sei teatri del Circuito ERT.  Arriva nel libero adattamento e con la regia di Ugo Chiti per l’Arca Azzurra  per un  sodalizio  consolidato e fortunato che tiene sempre desta l’attenzione sui classici. Protagonista dello spettacolo è Amanda Sandrelli, in scena con gli attori della storica compagnia toscana - Giuliana […]

today27 Novembre 2022


0%