Cultura Spettacoli

La bellezza di Bellini inaugura la Stagione lirica a Trieste

today18 Novembre 2018

Sfondo
share close
AD

“ I Puritani” di Vincenzo Bellini, monumento del belcanto italiano,  strappa applausi e consensi calorosi al Teatro Verdi di Trieste. Il nuovo allestimento,  prodotto dalla Fondazione lirica,  ha inaugurato con successo la nuova Stagione e regala non poche emozioni per un titolo che mancava da diciassette anni.

A partire dalla  direzione d’orchestra del Maestro Fabrizio Maria Carminati che ha colto e  pienamente rappresentato le atmosfere musicali ottocentesche del capolavoro belliniano. La splendida partitura  romantica  è  poi arricchita, per scelta dello stesso  Maestro,  dall’inserimento di due arie “Da quel che dì ch’io ti mirai” “Ah sento o mio bell’angelo” tratti dalla  partitura manoscritta del Fondo Basevi conservata alla Biblioteca Cherubini di Firenze. Una chicca filologica che impreziosisce questa produzione.  Appare in linea la regia “a quattro mani” e di gran carattere –  ideata da Katia Ricciarelli e Davide Garattini Raimondi-  ispirata alla tradizione storica di un libretto che riprende il romanzo “I puritani di Scozia” di Walter Scott. Monumentale ed essenziale lo spazio scenico,  ideato da Paolo Vitale, definito da ampie scale, giocato sui cromatismi accesi e movimenti che evitano accuratamente le diagonali. Nella tradizione anche i bei costumi, firmati da Chiara Masi sul tema del bianco/nero. Ne risulta una regia  elegante e dalla severità compositiva, quasi zen, che si concentra  sull’interpretazione musicale degli artisti e sulla vita scenica dei personaggi, tema caro alla Ricciarelli che in passato ha indossato i panni di Elvira. Su questa strada la segue tutto il cast in scena a partire dal soprano spagnolo Ruth Iniesta, subentrata in corsa alla prima, che  dona pienezza  espressiva e dolcezza interpretativa alla sua Elvira (uno dei ruoli interpretati da Maria Callas). Accanto a lei un Antonino Siragusa, che incassa gli applausi piú affettuosi, protagonista brillante alle prese con una parte che impegna seriamente la voce tenorile tanto da render difficile il trovare tenori adatti. Bene anche  il baritono Mario Cassi (Sir Riccardo) e Alexey Birkus (Sir Giorgio) e il mezzosoprano Nozomi Kato ( la regina Enrichetta). Completa il cast  Andrea Binetti, vivace Sir Bruno, e il baritono Giuliano Pelizon (Lord Gualtiero). Come di consueto, doppia è la compagnia di canto che si alternerà in scena.

Si replica sino al prossimo sabato. Un occasione da non perdere per tutti,  appassionati e  non.

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

Archivio Podcast

Radioamatore2 fino al 18 novembre alla Fiera di Pordenone

Da anni ormai è unanimemente considerata la Fiera n. 1 in Italia per l’elettronica di consumo, informatica low cost e materiale per radioamatori: ritorna a Pordenone il 17 e 18 novembre prossimi la 21^ edizione di Fiera del Radioamatore 2, un appuntamento diventato negli anni un vero contenitore di eventi. Si ripete anche quest’anno l’affiancamento ai padiglioni 2 e 3 con GameCom - Comics Movies & Games, una “due giorni” […]

today16 Novembre 2018

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

19 − 1 =


0%