ascolta live streaming 
Ultime Notizie
Home / News / Cultura Spettacoli / La Bibbia scorretta degli Oblivion

La Bibbia scorretta degli Oblivion

Dal 23 gennaio ritornano al Politeama Rossetti gli Oblivion.  Tornano con “La Bibbia riveduta e scorretta” divertente e nuovissimo spettacolo in cui, sotto la la regia di Giorgio Gallione, per la prima volta  si mettono alla prova con un vero e proprio musical comico. Un nuovo show dissacrante, come nel loro stile, che promette di lascerare il pubblico senza fiato con l’umorismo intelligente e il talento musicale che li contraddistingue.  Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli, i cinque  attori e cantanti  ma anche mimi e musicisti, specializzati nella parodia di canzoni note e di motivi originali, capaci di catalizzare milioni di visualizzazioni su You Tube e di confezionare spettacoli originali e molto amati dal  pubblico – a partire dalla celebre parodia de “I Promessi Sposi in dieci minuti” – spettacoli ricchi di esilarissimi mash-up canori tra autori diversissimi e di ‘juke-box umani’. Anche in questa nuova tappa della loro carriera,  con cui ritornano a Trieste e al Politeama Rossetti, omaggiano  tutto lo scibile della storia del Musical dagli anni 20 ad oggi. Ventidue le canzoni originali per  una storia che cerca di mettere ordine nel Caos e che nella finzione riscrive la Bibbia collocandola solo nel XV secolo per volere di Dio in persona e da Gutenberg, l’inventore della stampa e suo “editore”. Anche questa volta ne vedremo delle belle.

Repliche fino a domenica 27 gennaio, in abbonamento al Teatro Stabile regionale. Sabato 26 gennaio alle ore 18 al Café Rossetti, si terrà un incontro con gli Oblivion coordinato da Peter Brown. L’ingresso sarà libero fino a esaurimento dei posti disponibili.I biglietti per lo spettacolo si possono acquistare nei consueti punti vendita e circuiti oppure su www.ilrossetti.it

Prova anche

Trionfa “ We Will Rock You” al Teatro Rossetti

Se per Dostoijeskij sarà la bellezza a salvare il mondo, per Brian May, Roger Taylor, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + quattro =