ascolta live streaming 
Home / News / La Mostra "Blues"

La Mostra "Blues"

Dal 17 al 31 maggio
Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20
c/o Studio Gasperini, via Timeus 7, Trieste

Più di un collettivo di artisti si tratta di una vera famiglia, composta dal padre Giuliano e i due figli Davide e Sara. Una famiglia triestina che sta dedicando con successo la propria vita all’arte portando le radici in giro per il mondo e vuole ringraziare la città natale e dove hanno trascorso gli anni della loro formazione professionale  esponendo diverse opere che sono significative per poter capire quale sia il denominatore comune.
La Mostra “Blues” il filo conduttore in un legame naturale, Comelli & fills. Un’esposizione di pittura dai toni decisi che vede coinvolti i triestini Comelli, papà Giuliano e i suoi figli, Davide e Sara… sentimentalismi a parte, questa non è una mostra leggera ed i complimenti non sono di circostanza le opere sorprendono, scuotono pathos e ragione, come deve essere.
Davide lavora su carta ed esclusivamente a graffite. Parte dal caos al quale sovrappone geometrie. Rottami assolutamente casuali sono per lo più oggetti delle sue ricerche, ridisegnati e sottoposti all’ordine. Così soggetti assolutamente privi di forma trovano un asintesi e un contrappunto nel loro opposto. Le geometrie, elementi carichi invece da intenzioni e principi formali, ma privi di corpo. Dalla sintesi di questi opposti parte e si sviluppano i lavori.
Giuliano fa ragionamenti analoghi ma con altri principi, parte da macchie e sehni casuali per poi ricercare equilibri interni. Interviene sui suoi acquarelli con un segno a pennino, quasi da incisore. Presenta pure dei feltri dall’interessante valore materico: nè tela ne carta, privi di trama impregnati di colore diventano quasi una pelle. Nessuna descrizione. Pittura informale si direbbe la sua anche se non mancano richiami al paesaggio.
Sara ha un altro aproccio un’altra sensibilità. La fotografia le serve per assemblare oggetti provenienti dalle situazioni più disparate, che considera per le loro forme particolari, funzionali alla rappresentazione che non descrive ma offre attraverso un’illusione. Ancora ricerca, dunque di relazione fra il caos e una volontà razionale che tutto sottintende e ricrea fra mistero, suggestione e soprattutto colore.
Recentamente i tre artisti ganno allestito una importante mostra presso la galleria JBC1 a Parigi.

Il luogo che ospita la mostra è uno spazio caratterizzante il tessuto storico della città: un cortile riqualificato attorno al quale gravitano altri ambienti ed attività che operano nel campo dell’arte e della creatività, anche con solide radici in quanto già laboratorio dello scultore triestino Tristano Alberti.

Attualmente sul cortile si affacciano lo Studio dell’architetto Lorenzo Gasparini e lo show room verso strada, questi spazi si integrano per poter ospitare a seguito di un integrale restauro mostra ed eventi, oltre che l’attività professionale.

Prova anche

Talento: I have a dream?

Manuela Castiglione e Alessandro Rinaldi, spiegano il loro progetto durante la diretta: Il progetto si …