fbpx

Cultura Spettacoli

“La Nona” Ariella Reggio alla Contrada

today18 Ottobre 2023

Sfondo
share close
AD

Debutta, il 19 ottobre 2023, alle 20.30, al Teatro Contrada “La Nona”, una commedia esilarante e profonda che vira dalla farsa alla tragedia, Scritta da Roberto Cossa, drammaturgo italo-argentino, per la regia di Marcela Serli, vede in scena Ariella Reggio che ne ha curato anche l’adattamento nei dialoghi in triestino sulla traduzione di Pino Tierno. Assieme a lei ci saranno Giraldi, Zoe Pernici, Marzia Postogna, Maurizio Repetto e Maurizio Zacchigna. La Reggio veste i panni di una nonna despota e parassita.


Ospite a Teatralmente ai microfoni di Monica Ferri la regista Marcela Serli.

La storia

Scritta negli anni Settanta dall’autore italoargentino Roberto Cossa, La nona è una commedia, diventata notissima, che rappresentava in origine una chiara denuncia al regime dittatoriale di Videla, un sistema corrotto e malato che ha tristemente dominato l’Argentina al tempo. Seppur paradossale l’idea di associare il concetto di “potere” con la figura di un’esile vecchietta, si rivela efficacissima nel momento in cui si chiarisce il meccanismo che distrugge questa famiglia di popolani dall’interno.


In questo adattamento la nonna simbolo crudele dell’avidità di una società vecchia e dispotica che si accanisce contro i più deboli. 

Così, pieno di colpi bassi, lo spettacolo mette al centro il deterioramento continuo dei valori dei personaggi. Ultracentenaria, vorace e feroce, la nonna consuma giorno dopo giorno la sua famiglia – la figlia nubile e i nipoti – gravando sulle loro finanze e sulla loro dispensa con una fame inarrestabile. Ma non è l’unica parassita della famiglia: c’è anche Ciccio, sedicente “artista”, che le studierà tutte pur di evitare di rimboccarsi le maniche sfruttando la cara nonnina nei modi più impensabili. Ma non ci riuscirà e sarà trascinato come gli altri verso la catastrofe. La nona si impone quale vigorosa e pregnante immagine del potere folle e distruttore, incarnato nelle sue forme più aberranti e luttuose. Una grande metafora a cura di Andrea Stanisci con l’apporto prezioso delle luci di Bruno Guastini.

Info e appuntamenti

Appuntamento giovedì 19 ottobre alle 20.30 al Teatro Contrada e repliche dal 20 al 22 ottobre e dal 26 al 29 ottobre. Giovedì, venerdì e sabato alle 20.30 e la domenica alle 16. Per saperne di più: www.contrada.it

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Sciroppo di Trap

con Jo dj
0%