Home / News / Cultura Spettacoli / Le Scintille della Curino

Le Scintille della Curino

Uno spettacolo intenso, una narrazione stringente. “Scintille” in scena sino a domenica al Politeama Rossetti di Trieste, è  uno di quegli spettacoli di drammaturgia storica che si ispira alla cronaca nera.

Uno spettacolo cucito addosso alla bravissima Laura Curino (Premio Ubu e tanto altro nella sua lunga e prestigiosa  carriera) che regala una grande prova attoriale. Ci porta dentro una realtà di sfruttamento e fatica, di emigrazione e ingiustizia.  E di donne. Siamo in America  dentro all’ottavo piano di un grattacielo a New York, il laboratorio  della Triangle Shirtwaist Factory. Qui il  il 25 marzo 1911 morirono  146 giovani donne. 

Il testo e la regia di Laura Sicignano è efficace nella forza della sua narrazione. La messinscena è sobria ma accurata: tre postazioni, macchine da cucire, ferri da stiro, stoffe, camicie. In questo spazio essenziale, illuminato dalle belle luci di Tiziano Scalo,  Laura Curino si muove, con gesti ricchi di fascino,  e racconta un’epopea  di lavoro faticoso e mal pagato, in fabbrica.  In poco più di un’ora di spettacolo,  si fa in quattro. È  Caterina, immigrata madre di due giovani,  ma è anche  Lucia, la primogenita piena di speranze e la secondogenita timida Rosa. E poi  è  Dora, la sfrontata giovane russa che osa alzare la testa. In una  scena essenziale a  poco a poco il racconto prende vita, le storie si intrecciano con una naturalezza che ci inchioda li, all’ottavo piano. Lo spettacolo è una denuncia e un monito insieme a non dimenticare la dignità del lavoro e il valore della vita. Perché anche oggi, come allora,  si muore sul lavoro per il “vil denaro”.

 

Prova anche

Confort, qualità e sicurezza con le soluzioni Marcolin Covering

Con l’avvicinarsi della stagione invernale cresce anche spesso la necessità di ampliare gli spazi coperti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × quattro =