ascolta live streaming 
Home / News / Lifestyle / Attualità / L'esperto erborista: l'inquinamento elettromagnetico.

L'esperto erborista: l'inquinamento elettromagnetico.

Una certa difficoltà di concentrazione/memoria (fino all’Alzheimer), sono in crescita preoccupante anche nei giovani, mettendo in difficoltà gli insegnanti.

Meno frequente, è la sindrome da stanchezza cronica, con debolezza debilitante, cefalea, mal di gola ricorrente, dolori, difficoltà di concentrazione.

Uno studio (2013) dell’Università di Firenze, ipotizza come causa l’esposizione al cadmio. Per altro sappiamo che le malattie degenerative della ”testa”,  dipendono molto da un avvelenamento da alluminio (lattine, pentole, carta d’alluminio, certi farmaci, additivi alimentari) e da mercurio (vecchie otturazioni dentali ”scure”, certi farmaci, inceneritori ed altro).

Una considerazione generale è:  se questo ”inquinamento” c’è da decenni, perchè oggi diventa così grave? Una risposta potrebbe essere l’abuso di telefonini, le loro antenne sui tetti, Wi Fi (in ufficio e condomini giorno e notte), telefoni cordless, computer ed i potentissimi navigatori per automobile. Tutti questi campi elettromagnetici costanti su di noi, si sommano e inibiscono il funzionamento della barriera ematocefalica, un meccanismo chimico-fisico che impedisce o rallenta l’arrivo nella ”testa” di sostanze ”non opportune”.

Il risultato è una minore tolleranza agli inquinanti, danni cellulari a geni e membrane, sovra produzione di radicali liberi, che nell’insieme possono spiegare anche il recente aumento delle influenze, per numero e intensità devastante.

Limitare al minimo queste situazioni è fondamentale e sappiate che il cordless trasmette anche quando non ”parlate”, di notte.

In erboristeria, troviamo il silicio nella forma di equiseto, ma meglio le pastiglie di bamboo, in grado di disinquinarci dall’alluminio, che inoltre, con magnesio e calcio, sostiene i tessuti nervosi, assieme all’olio di krill.

L’alga clorella invece (da masticare due minuti), ”disinquina” da cadmio, mercurio (e diossina), piombo; quest’ultimo è usato come antiparassitario e nelle vernici.

Anche lo zolfo ci depura da questi tre elementi tossici; per questo è utile nutrirsi con la famiglia dei cavoli, ma sopratutto aglio (meglio in abbondante polvere), perchè ricco di zolfo, selenio, germanio (importanti ”antiossidanti”) e poi il fungo Reishi per il germanio e tutte le sue virtù.

Walter Pansini

Prova anche

Radio Chef 6 e gli Spaghetti alla chitarra con cordiandoli dell’orto

E’ arrivato un nuovo giovedì e anche questa settimana ritorna l’appuntamento con Radio Chef..sfida all’ultima …