ascolta live streaming 
Home / News / Majenca 2013: La tradizione che si rinnova

Majenca 2013: La tradizione che si rinnova

Festa che trae origini da antichi riti pagani inneggianti alla fertilità, un evento molto radicato negli abitanti di Dolina, soprattutto tra i giovani, veri organizzatori e promotori della festa. La majenca è ovviamente nel cuore di tutto il paese, perciò chiunque è pronto ad offrire il proprio aiuto ai giovani (un ruolo particolare è riservato ai parterji, ragazzi attorno ai diciott’anni, ed alle parterce, ragazze sedicenni, che alla domenica della majenca apriranno le danze sotto al maj).

Al loro fianco ci sono anche gli organizzatori delle manifestazioni collaterali: il circolo culturale. Il Comune, la direzione didattica ed i viticoltori ed ulivicoltori locali.

La festa incomincerà ufficialmente giovedì, dalle 16.00 in poi, con gli eventi per i bambini Pompieropoli e l’innalzamento dell’Albero dei diritti in collaborazione con l’Unicef. Seguiranno l’apertura della mostra nella chiesetta di S.Martino e l’assaggio popolare dei vini. Venerdì, dalle 19.00 si apriranno le mostre nella galleria Torkla e nella sede del circolo V.Vodnik.

La sera concerto con i gruppi Hackers e Rewind. Sabato sera si celebrerà il momento più importante dell’evento, l’innalzamento dell’albero del maj. Costituito da un tronco di abete alto una quindicina di metri sul quale viene posto un albero di ciliegio decorato da limoni, arance, bandierine e due ghirlande con ciambelle rosse. Il maj è il più possente degli alberi di maggio e sotto di esso i giovani del luogo sono soliti cimentarsi in danze e balli. Durante la serata i musicisti Sobri per caso  animeranno la festa.

Domenica verso sera l’atteso ingresso in piazza dei ragazzi e delle ragazze  cui seguiranno i balli sulle notte del gruppo ‘Happy day’.

Lunedì invece spazio al ballo con il gruppo ‘Ansambel Nebojsega’ (alle 21.00).

IL gran finale si svolgerà martedì, alle 19.00 con il solenne  abbattimento del’albero del maj. Chioschi enogastronomici aperti ogni giorno con specialità alla griglia e vino nostrano.

Festa dei giovanni

La tradizione vuole che verso sera i giovani scavino al centro della Gorica una fossa, nella quale sistemano un blocco di pietra con un foro in cui piantano l’estremità più grossa dell’antenna. Di sera poi un gruppo di giovanni si reca a rubare il ciliegio prescelto. Al canto dell’inno paesano trasportano il ciliegio sulla piazza e l’intestano sul tronco. Di solito questa cerimonia era accompagnata  anche dal suono delle campane.

Le mostre

Nella chiesetta di San Martino: esposizione di arti grafiche Storie con e senza titolo di Matjaz Hmeljak  e Dunja Jogan. Nella galleria Torkla: esposizione di design di Jan Foraus e Marusa Jenko.

Al circolo culturale Valentin Vodnik: esposizione di artisti grafici locali. In casa Jurjevic: mostra degli alunni dell’Istituto omnicomprensivo di Dolina. Orari: venerdì 10 maggio 2013:  19.00-22.00.

Sabato 11 maggio 2013:  18.00-22.00. Domenica 12 maggio 2013:  16.00-22.00.  Lunedì 13 maggio 2013: 19.00-22.00. Martedì 14 maggio 2013:  18.00-19.00.

 

Prova anche

Ritorna a Sutrio la Festa dei Cjarsons

Hanno radici lontane ed esotiche i Cjarsòns, sorta di golosi ravioli, piatto simbolo della Carnia, …