fbpx

News

Presentata la seconda edizione di Epicentrico

today2 Settembre 2023

Sfondo
share close
AD

Epicentrico raddoppia per la sua seconda edizione e porta il teatro a diventare l’epicentro di una scossa che smuove le persone, le scuote, provocando la necessità di attivarsi culturalmente e socialmente. In programma del progetto teatrale ideato e organizzato dalla compagnia BRAT torna a far scuotere la bassa friulana con 21 eventi performativi con 15 diversi spettacoli. La rassegna coinvolgerà ben otto diversi territori tra Italia e Slovenia e durerà cinque mesi.

Epicentrico 2023

Epicentrico vuole generare un terremoto culturale, creare connessioni, incontri, dialogo, vuole attivare e stimolare attraverso il teatro tutte le età e tutte le fasce sociali. Vuole abbattere le frontiere generazionali, linguistiche, culturali e fisiche. La rassegna teatrale diffusa proporrà spettacoli, in strada, a teatro e nelle scuole, coinvolgendo otto diversi territori tra Italia e Slovenia (San Giorgio di Nogaro, Porpetto, Torviscosa, Gonars, Premariacco, Aquileia, Gradisca d’Isonzo e Nova Gorica). Una ricca programmazione che prevede anche corsi di accompagnamento alla visione per bambini (coinvolte 10 classi di 4 scuole primarie. I corsi saranno condotti da 2 docenti seguendo il format didattico Teatro e Critica LAB, realizzato a partire dal 2011 nei più vari contesti dalle università ai maggiori festival teatrali italiani) e per adulti, oltre a un laboratorio intensivo di teatro multisensoriale e inclusivo.

Spettacoli di strada

Per coinvolgere tutti, anche chi non frequenta abitualmente il teatro, a Porpetto, il sabato mattina durante il mercato a San Giorgio di Nogaro; ma pure al mercato di Gonars, e nel parco pubblico di Torviscosa, sono in programma diversi spettacoli all’aperto (gratuiti). Si comincerà il 2 settembre a Porpetto, alle 18, all’Arena in via Don Minzoni con “Ali – una storia d’amore e… immondizia” con Mimì clown. Il 16 tutti al mercato di San Giorgio di Nogaro (via Roma), alle 11, con “Ops!” di Jessica Da Rodda. Il 22, a Gonars, alle 11, in piazza del Municipio, una prima regionale: “Circo a Palla” di Alex Russo che si esibirà anche il 23 a San Giorgio di Nogaro. Il 29 settembre, al giardino pubblico di Torviscosa, alle 11, ci sarà invece “Arlecchinate” di Bambabambin con Paolo Rech che chiuderà il ciclo di teatro in strada il 30 settembre sempre a San Giorgio di Nogaro.

Una performance inclusiva

Un’importante novità di questa seconda edizione è la performance inclusiva e sensoriale originale, adatta a spettatori vedenti e non, esito del laboratorio condotto dall’artista ucraina Kateryna Lukanienko. Le iscrizioni sono aperte, il laboratorio si terrà dal 6 al 9 settembre con orario 10-18. La performance di restituzione è in programma il 9 settembre, alle 17 e alle 19, a Porpetto, nella sede di BRAT. L’evento è a numero chiuso, prenotazioni via mail a [email protected].

Spettacoli di teatro per famiglie

Per coinvolgere e stimolare la partecipazione agli eventi culturali di bambini e più in generale dei nuclei familiari, la programmazione di Epicentrico prevede, a ottobre, novembre e dicembre, degli spettacoli dedicati proprio ai più piccoli. Primo appuntamento è quello del 1° ottobre, a San Giorgio di Nogaro, alle 16, all’Auditorium San Zorz con la prima regionale “Cenerentola” di Zaches teatro. Domenica 29 ottobre, tutti a Orsaria di Premariacco, dove alle 17, TeatrOrsaria ospiterà un’altra prima regionale: “Nunc”, di Teatro Metastasio di Prato e BRAT. Il 5 novembre, sarà ancora l’Auditorium di San Giorgio di Nogaro, alle 16, a ospitare “Un dito contro i bulli” della compagnia Dedemailan. La settimana seguente, il 12 novembre, al Teatro Nazionale Sloveno di a Nova Gorica andrà in scena “Nunc”. Mentre il 3 dicembre, sempre a San Giorgio di Nogaro, alle 16, è in cartellone “Lis Pantianis e la machine dal timp” produzione del Teatri Stabil Furlan.

Spettacoli serali

Ma il cartellone di Epicentrico non dimentica giovani e adulti ed ecco che dopo “Malacarne”, che ha aperto, lo scorso 30 luglio, la rassegna ad Aquileia, gli spettacoli serali per questo target proseguiranno a partire dal 14 ottobre, a San Giorgio di Nogaro, all’Auditorium San Zorz, alle 20.30, con la prima regionale “RIDIng che ti passa” della Compagnia Pantakin da Venezia. “Questa è casa mia” di Alessandro Blasioli, un’altra prima regionale, andrà invece in scena il 18 novembre, nella stessa locazione e ora. Il 13, 14 e 15 dicembre ci si sposterà a Gradisca d’Isonzo, rispettivamente alle 20.30, 10, 20.30, in Sala Bergamas per lo spettacolo “Casa nostra” di Hombre Collettivo, già visto in anteprima dalle scuole, ma, di fatto un’ulteriore anteprima per il Fvg. Il 16 dicembre si tornerà a San Giorgio di Nogaro, alle 20.30, all’Auditorium, per “Il paese delle facce gonfie” di Confraternita del Chianti che chiuderà questa seconda edizione della rassegna.

Una performance itinerante

La performance itinerante “Se.Me.” che unisce arte, natura e memoria, realizzata da BRAT e Hombre Collettivo ha invece coinvolto il pubblico lo scorso 23 agosto a Porpetto, accompagnata da un intervento di Legambiente e la presentazione del libro “L’alfabeto dei giochi popolari” di Diego Lavaroni.

Un progetto per il territorio e con il territorio realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, i Comuni di San Giorgio di Nogaro, Gonars, Porpetto e Torviscosa; in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Università Castrense, l’Istituto Comprensivo di Gonars, a.Artisti Associati, TeatrOrsaria e Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica (Slovensko narodno gledališce).

Scritto da: Maria

Rate it

0%