Cultura Spettacoli

Presentata la prima mondiale di “Amorosa presenza”

today14 Gennaio 2022

Sfondo
share close
AD

Mancano una settimane al debutto mondiale di “Amorosa Presenza”, un titolo atteso, che il 21 gennaio inaugurerà la stagione lirica e di balletto 2022 del Teatro Verdi di Trieste e che vedrà Piovani, premio Oscar,  portare in scena la sua musica anche nella veste di Maestro Concertatore e Direttore. La regia è affidata a Chiara Muti.

“Amorosa Presenza”, su libretto scritto a quattro  mani  da Aisha Cerami e dello stesso Piovani, è liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami e racconta una storia d’amore che si sviluppa tra equivoci, colpi di scena e travestimenti. Una vicenda che racchiude molti elementi di una favola moderna e che porterà in scena due giovani innamorati dell’amore, timidi, impacciati, ma desiderosi di assecondare un sentimento profondo. Nel loro cammino saranno guidati da alcune figure che li sosterranno, con consigli e suggerimenti.

L’opera, in due atti, ha origini lontane. La prima idea risale al 1977, rimasta poi a lungo in un cassetto, fino all’incontro tra Piovani e il Teatro Verdi di Trieste che ha voluto fortemente concretizzare il progetto.

Le scene sono di Leila Fteita, coreografie di Miki Matsuse, maestro del coro Paolo Longo. I personaggi principali sono Serena, interpretata da Maria Rita Combattelli, Orazio, Giuseppe Tommaso, la Tata, Aloisa Aisemberg, il Tutore, William Hernandez e L’albero, Cristian Saitta.  Scenografie e costumi sono stati interamente realizzati nei laboratori del teatro Giuliano.

 

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

Cultura Spettacoli

La cena degli onesti: un insaziabile esperimento editoriale

Dopo numerosi romanzi a quattro mani, Igor Damilano e Cinzia Lacalamita riconfermano il loro sodalizio professionale e tornano in libreria con il thriller psicologico La cena degli onesti (Corsiero editore). Gli autori, che nella scrittura di coppia hanno trovato la via del successo, alzano l’asticella, portando con sé Giovanni Toffoli, descrivendolo come: “Una penna, per noi indispensabile, scaltra nello strutturare enigmi che, con disinvoltura, spaziano dalla metafora al paradosso”. “La […]

today14 Gennaio 2022

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

sei + diciotto =


RPZ at Night

il notturno d Radio Punto Zero
0%