fbpx

News

Regione FVG il bilancio di fine anno con il presidente Fedriga

today23 Dicembre 2022

Sfondo
share close
AD

Cinque anni di giunta Fedriga, in questa intervista facciamo il bilancio con il Presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga:

 

 

“Se dovessi individuare un denominatore comune per le molteplici azioni di governo messe in campo dalla Giunta regionale in questa legislatura, al netto delle situazioni emergenziali incontrate lungo il percorso, indicherei senza dubbio la volontà di rilanciare l’attrattività del territorio: un elemento che riassume il quinquennio 2018-2023, ma che si pone al contempo quale obiettivo per gli anni a venire”.

 

 

Entrando nel vivo della materia, Fedriga si è in particolare soffermato sulle politiche fiscali quali le agevolazioni
sull’Irap “tese a promuovere l’insediamento di nuove attività produttive e il conseguente incremento dei livelli occupazionali” e l’autonomia “perseguita attraverso il riconoscimento di ulteriori competenze e, soprattutto, per mezzo della stipula di due intese con il Governo nazionale, che ci permettono di trattenere, e reinvestire in Friuli Venezia Giulia, oltre due miliardi di euro. Riferirsi all’attrattività non vuol dire tuttavia rivolgersi esclusivamente a target esterni, ma anche a un’ampia e non meno importante platea interna rappresentata dai giovani, cui siamo chiamati a offrire prospettive chiare affinché decidano di costruire il loro futuro in Friuli Venezia Giulia. Proprio per questo, uno dei cardini attorno ai quali si è incentrata l’azione amministrativa ha riguardato le politiche del lavoro e della famiglia: essere la seconda regione italiana per numero di occupati, con un dato che si avvicina al 70%, vantare il record nazionale di occupazione femminile e aver ridotto il gender gap alla percentuale più bassa d’Italia significa infatti aver contribuito non solo a garantire più equità sociale, bensì a irrobustire le radici che uniscono cittadini e territorio”.

 

 

Quanto agli orizzonti futuri, Fedriga ha rimarcato “la necessità di intensificare le relazioni con le aree limitrofe” e di “portare avanti con decisione progetti congiunti che, come nel caso della prima Hydrogen Valley transnazionale, sappiano imporsi quali risposte strutturali di lungo periodo alle esigenze della nostra comunità regionale. Ben più di una semplice zona di confine, il Friuli Venezia Giulia è terra d’incontro tra tre popoli: latino, germanico e slavo. Esso simboleggia quindi il cuore stesso dell’Europa e, in quanto tale, va valorizzato e tutelato in ogni sua forma a beneficio delle generazioni che verranno.”

Scritto da: Maria

Rate it

RPZ at Night

il notturno d Radio Punto Zero
0%