ascolta live streaming 
Home / News / Cultura Spettacoli / Il sogno di Massimo Ranieri in esclusiva al Teatro Rossetti

Il sogno di Massimo Ranieri in esclusiva al Teatro Rossetti

È in arrivo al Teatro Rossetti uno dei mattatori di lungo corso dello spettacolo italiano. Giovedì 30 novembre,alle ore 21, Massimo Ranieri salirà sul palco dello Stabile, in prima regionale e per un’unica data, con “Sogno e son desto”.
Dopo il grande successo delle prime serate su Raiuno, lo spettacolo ideato e scritto assieme a Gualtiero Peirce, approda a Trieste in una nuova edizione per un recital che, oltre a mettere in luce le sue straordinarie doti teatrali e canore, è un inno alla vita, all’amore e alla speranza.
Nel duplice ruolo di attore e cantante, l’eclettico artista partenopeo, porta in scena il teatro umoristico e le più celebri canzoni napoletane. Naturalmente non mancheranno, accanto ai suoi successi, novità musicali e sorprese teatrali proposte con la formula che nelle precedenti edizioni ha già conquistato le platee di tutta Italia.
Costruito come un viaggio affettuoso, spettacolare e sorridente, ricco di grandi canzoni, racconti e colpi di teatro, “Sogno e son desto” è dedicato –  come rivela il titolo – proprio ai sognatori di tutti i tempi e celebra la forza degli umili, il coraggio di chi affronta la vita con speranza e positività:  temi cari a Ranieri e dal sapore autobiografico.
Già più volte in scena con i suoi spettacoli al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Ranieri ritorna – dopo una lunga assenza – accompagnato da un’orchestra di sei professionisti: Max Rosati (chitarra), Flavio Mazzocchi (pianoforte), Pierpaolo Ranieri (basso), Luca Trolli (batteria), Donato Sensini (fiati), Stefano Indino (fisarmonica).

I biglietti per lo spettacolo sono ancora disponibili presso tutti i punti vendita del Teatro Stabile regionale e naturalmente anche attraverso il sito www.ilrossetti.it. Si possono acquistare anche alla Biglietteria del Teatro fino all’inizio dello spettacolo.

Prova anche

Un Van Gogh prezioso al Teatro Rossetti

Quasi una sorta di giallo psicologico attorno al tema della fragilità dell’artista. Un accorato appello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + 19 =