Cultura Spettacoli

Teatro Orazio Bobbio: nuova produzione per “Harold e Maude”

today9 Gennaio 2022

Sfondo
share close
AD

Primo spettacolo del  2022 per la stagione della Contrada è “Harold e Maude” il 13 gennaio al Teatro Orazio Bobbio. Il  celebre testo di Colin Higgin arriva, con una nuova produzione,   diretto da Diana Höbel, e vede  la beniamina del Teatro Ariella Reggio nei panni di Maude, affiancata dal giovane Davide Rossi in quello di Harold. Con loro in scena   Marzia Postogna, Maurizio Zacchigna, Enza De Rose, Valentino Pagliei e Omar Giorgio Makhloufi. La storia, resa nota grazie al film cult del 1971, è quella di un ragazzo problematico, figlio di una madre disfunzionale, egocentrica e anaffettiva. Privo di amici, si diverte a inscenare il suo suicidio per spaventare l’insopportabile genitrice; inoltre, come hobby, frequenta funerali di sconosciuti. Maude invece è una donna che vive la vita con passione, ha amato ed è stata amata, ha girato il mondo e abita in una specie di salone delle meraviglie, pieno di oggetti provenienti da tutto il pianeta. Maude è l’amore e il coraggio per la vita che Harold non ha. Un testo toccante in cui vecchiaia e giovinezza si incontrano…a parti invertite perchè Harold ha vent’anni e Maude quasi ottanta. Una storia che incarna lo spirito trasgressivo e di contestazione dell’epoca in cui è uscito il film.

«Chi lo ha visto, non lo può dimenticare – racconta la regista Diana Höbel – ma si può leggere al di là della temperie del momento perché la solitudine e il senso di vuoto di Harold è una situazione esistenziale, che trascende ogni periodizzazione. L’incontro con Maude è la scoperta che è possibile sentirsi compresi e accolti. Ma anche la scoperta che solo rispecchiandosi in un altro, diverso e affine, possiamo trovare noi stessi.  Per me Maude è “l’aiutante magico” delle fiabe, è lo spirito che mostra la strada e ti insegna, giocando, cosa siano la carnalità, i sensi, la bellezza, l’etica e persino la morte. Ma la morte non fa più paura, e non è più desiderata, quando si è riusciti a entrare nel flusso della vita.»

Sul rapporto tra  i due protagonisti in scena la regista racconta: «La sintonia in scena tra Harold e Maude è nata e cresciuta in modo semplice e naturale tra Ariella Reggio e Davide Rossi, accomunati, pur nella diversità di esperienza e consapevolezza, dalla stessa leggerezza e ironia, e da una sensibilità delicata che ci ha permesso di lasciarci tutti andare e ballare insieme a loro.» Completano lo spettacolo le musiche di Claudio Rastelli e le scene e i costumi di Andrea Stanisci.

Info: Www.contrada.it

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

Cultura Spettacoli

Al Teatro Rossetti il mondo intrigante delle “Mine vaganti”

Il viaggio nella provincia italiana, ricca di pregiudizi e cliché, Mine Vaganti di Ferzan Ozpetek, è una storia  che funziona anche a teatro. Dopo il grande successo del film, il regista turco firma  nel 2020 la sua prima regia teatrale - prodotto dal nuovo Teatro in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana - e, con un cast azzeccato, traspone il suo racconto in un mondo sospeso tra veli bianchi e […]

today8 Gennaio 2022

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

20 + 20 =


0%