ascolta live streaming 
Home / News / Cultura Spettacoli / Teatro VerdiTs: una Stagione dalla vocazione internazionale

Teatro VerdiTs: una Stagione dalla vocazione internazionale

Tre percorsi in un’unica rassegna annuale. La programmazione 2018-2019 della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi, presentata oggi a Milano nella sede del Main sponsor Allianz, cambia volto per aprirsi al panorama lirico internazionale.  Obiettivo è divulgare la tradizione musicale italiana anche all’estero. 

Si inizierà il 14 settembre con la Stagione Sinfonica   e con  un programma raffinato.   Sei i concerti che alterneranno pagine molto conosciute (il “Concerto per violino e orchestra” e la “Quinta Sinfonia” di Beethoven, diretto da Pinchas Steinberg in apertura di stagione), a prime esecuzioni assolute (Dissolutio per orchestra d’archi, nuova commissione della Fondazione composta e diretta da Paolo Longo). O ancora, a composizioni meno frequentate (come la “Symphonie choréographique” Daphnis et Chloé di Ravel e la “Rossiniana” e “Vetrate” di chiesa di Ottorino Respighi nel concerto conclusivo).

A impreziosire il cartellone sarà anche la presenza di musicisti poliedrici come Lera Auerbach (Compositore, Direttore e pianista, che conferma l’importanza della presenza femminile sul podio, come da tre anni viene proposto a Trieste) e di solisti dal talento straordinario quali i violinisti Sergej Krylov e Kirill Troussov (quest’ultimo interpreterà il concerto per violino di Pëtr Il’i? ?ajkovskij con lo stesso Stradivari utilizzato per la sua prima esecuzione a Vienna, nel dicembre 1881), il clarinettista Alessandro Carbonare.

Rispetto agli anni passati  la Stagione Lirica e di Balletto, che si inaugurerà il 16 novembre,  presenterà  a fianco alle  opere della “tradizione” anche titoli più ricercati, realizzati in collaborazione o in co-produzione con teatri nazionali e internazionali: tra questi, l’Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet, il Teatro Nazionale Sloveno di Maribor e la Kitaky?sh? City Opera”.

Primo titolo in cartellone “I Puritani” di Vincenzo Bellini; seguirà “La Bella Addormentata” di Pëtr Il’i? ?ajkovskij, un classico del balletto russo, con i solisti e il corpo di ballo del Teatro di Odessa (dicembre 2018), il sempre attuale “Nabucco” di Giuseppe Verdi (gennaio 2019) e “Il Principe Igor” di Aleksandr Borodin in collaborazione con il Teatro di Odessa (febbraio 2019).  In cartellone poi due classiche storie d’amore contrapposte: la giocosità de “L’Elisir d’Amore” di Gaetano Donizetti (marzo 2019) e la tragicità della “Madama Butterfly” di Giacomo Puccini (aprile 2019). La Stagione si chiuderà infine con due lavori frutto di co-produzioni internazionali: “Andrea Chénier” di Umberto Giordano (col Teatro Sloveno di Maribor, a maggio 2019) e “Carmen” di Georges Bizet (con la Kitaky?sh? City Opera, a giugno 2019).

Grazie poi anche ad un progetto del Comune di Trieste, finanziato dal MiBACT a fine settembre 2018, il Teatro Verdi porterà la Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti a Kitakyshin Giappone, e successivamente un concerto sinfonico al Teatro Nazionale Croato di Zagabria. Nell’autunno 2019 la Fondazione andrà poi in tournée in Giappone con la propria produzione de La Traviata” di Giuseppe Verdi. 

Non mancherà  poi anche nella prossima stagione la “Terza Stagione”, quella che porta avanti l’impegno della Fondazione per avvicinare i giovani, e i meno assidui frequentatori, all’opera. Oltre alle già collaudate “Lezioni concerto”, rivolte alle scuole di tutto il Friuli Venezia Giulia,  l’offerta musicale quest’anno si completerà con la leggerezza delle fiabe e delle opere buffe. Sei in tutto gli allestimenti particolari, tra i quali spiccano Il Castello incantato di Marco Taralli, nuova commissione della Fondazione in prima assoluta (ispirata al Castello di Miramare di Trieste) oe il Bastiano e Bastiana, singspiel di Wolfgang Amadeus Mozart in un nuovo allestimento della Fondazione

Milano, 3 luglio 2018

Prova anche

28° Meeting internazionale di atletica leggera Sport Solidarietà– 4° Trofeo Ottavio Missoni

Oltre centocinquanta saranno gli atleti provenienti da trentuno paesi al 28° Meeting internazionale di atletica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =