Cultura Spettacoli

Un concerto speciale per la rassegna estiva del TeatroVerdiTs

today1 Luglio 2020

Sfondo
share close
AD

Sarà un appuntamento speciale quello di venerdì sera, 3 luglio, al Teatro Verdi di Trieste.  Il terzo concerto della rassegna estiva vedrà infatti l’esecuzione della Petite Messe Solennell di Gioachino Rossini.

Protagonisti, oltre  al Coro del Teatro Verdi, un cast di interpreti che annovera voci tra le più amate del repertorio belcantistico, tutte “regionali”: accanto al soprano friulano Giulia Della Peruta, già applaudita al Verdi nel 2018 ne “L’italiana in Algeri” dello stesso Rossini e in “Così fan tutte” di Mozart, al basso pordenonese Abramo Rosalen, anch’egli recentemente protagonista ne “I Puritani” di Bellini nel 2018 e in “Lucrezia Borgia” di Donizetti quest’anno, le triestine “star” internazionali Daniela Barcellona e Antonino Siragusa, un quartetto che assicura al concerto uno spessore artistico di altissimo rilievo

In programma l’ultimo componimento di Gioachino Rossini  concepito non per un uso ecclesiastico bensì per un contesto familiare d’élite, quella Petite Messe Solennelle che fu eseguita davanti ad un pubblico d’invitati, il 13 marzo 1864, nel palazzo parigino della famiglia Louise Pillet Will, che aveva commissionato il lavoro con intenti intimi e privati. Oggi si considera questa composizione quasi un azzardo rispetti ai tempi e quasi un’anticipazione avveniristica di forme che si svilupperanno ben oltre la fine dell’Ottocento anche nel corso del Novecento.

Sul podio una bacchetta femminile, quella del maestro Francesca Tosi, maestro anche del coro del Teatro Verdi, che ha dedicato la sua carriera non solo alla musica corale ma anche all’attività solistica per pianoforte – con molti concerti dedicati in particolare a Beethoven e Rachmaninov – e alla direzione d’orchestra. Personale è il suo rapporto con questo capolavoro rossiniano “la Petite Messe Solennelle” l’accompagna nel corso della sua vita musicale.

Al primo pianoforte – un grancoda Fazioli F308 gentilmente messo a disposizione dall’omonima casa costruttrice –  Adele D’Aronzo, al pianoforte di ripieno – un grancoda Fazioli F278 di proprietà della Fondazione – Alberto Macrì e all’armonium – in questo caso organo – Ilario Lavrencic.

Il concerto si svolge nei limiti e nel rispetto di tutti i protocolli vigenti per la protezione dei lavoratori e del pubblico presente in sala, nel limite massimo di 200 spettatori.

La biglietteria del Teatro Verdi è aperta fino a sabato orario 9-13 e un’ora prima dell’inizio dei concerti. Tutte le informazioni sono disponibili anche sul sito web www.teatroverdi-trieste.com.

Biglietti da 20,00 € – 25,00 € – 30,00€

Scritto da: Monica Ferri

Rate it

Articolo precedente

Cultura Spettacoli

Gualazzi riavvia la musica dal vivo a Villa Manin

La musica dal vivo è ripartita in Friuli Venezia Giulia dal bellissimo Parco di Villa Manin a Codroipo (Udine),  uno dei primi a ospitare un concerto con la capienza massima consentita dalle nuove linee guida che regolamentano gli spettacoli dal vivo. Mille persone sono accorse ieri pomeriggio per il concerto di Raphael Gualazzi che ha dato il via a “Villa Manin Estate 2020”, la rassegna organizzata dall’ERPAC (Ente Regionale per […]

today28 Giugno 2020

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

1 × due =


0%