play_arrow

Podcast

Ambiente, a Trieste siglato accordo su torrente Chiave

today31 Marzo 2021

Sfondo
share close
AD
  • cover play_arrow

    Ambiente, a Trieste siglato accordo su torrente Chiave Maria Musil


Presentato a Trieste il “Piano coordinato di interventi finalizzato alla prevenzione del rischio idraulico nel bacino idrografico del torrente Chiave e dei suoi affluenti“. Un accordo di programma siglato dalla Regione, dal Comune di Trieste, dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, dell’Autorità unica per i servizi idrici e rifiuti (Ausir) e dall’AcegasApsAgmga.

“La firma di questo accordo rappresenta un modello per tutto il Friuli Venezia Giulia. Grazie al coordinamento e alla collaborazione stretta fra tutti i soggetti coinvolti e a una regia unica possiamo spendere rapidamente le risorse, a partire dai 2 milioni di euro già disponibili, superando a Trieste tutte le criticità causate da molto tempo dal torrente Chiave” ha affermato il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. “Da qualche anno, invece, stiamo dimostrando concretamente che gli accordi fra enti istituzionali possono cambiare il futuro di una comunità. Questa Amministrazione, infatti, continua a operare per trovare soluzioni condivise, lavorando insieme alle altre istituzioni presenti sul territorio. Con questa progettualità finalmente andiamo a risolvere tutti i problemi di drenaggio e di allagamenti che si sono verificati nel capoluogo regionale”.

Il Piano coordinato di interventi prevede un modello idraulico del sistema idrografico del torrente Chiave, la mappatura e l’aggiornamento della pericolosità, la valutazione della vulnerabilità del territorio, la realizzazione degli interventi pianificati e l’implementazione del Sistema informativo regionale per la difesa del suolo.

Ad approfondire con noi il tema l’amministratore delegato di AcegasApsAmga Roberto Gasparetto. Per riascoltare l’intervista:


Podcast

Rate it
AD
0%