play_arrow

Podcast

Arlef presenta il canale YOUpalTUBO

today28 Gennaio 2022

Sfondo
share close
AD
  • cover play_arrow

    Arlef presenta il canale YOUpalTUBO Maria Musil


Si chiama YOUpalTUBO l’iniziativa fatta dai giovani, per i giovani presentata da ARLeF, l’Agenzia Regionale per la Lingua Friulana: otto ragazzi fra i 20 e i 28 anni che raccontano su YouTube le loro passioni, le più disparate, rivolgendosi ai loro coetanei, coinvolgendoli attraverso dei video in cui l’ironia è l’ingrediente principale. Qui un approfondimento con il presidente dell’ARLeF, Eros Cisilino, l’Assessore regionale alle autonomie locali Pierpaolo Roberti e uno dei giovani protagonisti Federico Benedet:

Nei mesi scorsi l’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane ha lanciato in rete una “call” con l’obiettivo di trovare ragazzi che avessero voglia di raccontarsi e condividere i propri interessi, in friulano, ma non solo. Ne è nata una piccola “squadra” di youtubers. Un gruppo eterogeneo per capacità linguistica (non tutti, volutamente, sanno il friulano alla perfezione), età, passioni, impiego e luogo di provenienza (Fanna, Tolmezzo, Ragogna, Basiliano, Udine, Rizzolo, San Daniele del Friuli), ma che presto si è ben amalgamato ed è stato capace di creare format divertenti per affrontare i temi più diversi.

Attraverso questo nuovo canale YouTube i ragazzi potranno informarsi e informare, imparare e insegnare, prendere o dare ispirazione, ciascuno con il proprio e personale stile! Sono infatti proprio loro che hanno scelto i temi da trattare, le modalità in cui farlo, per dare forma e struttura a un “luogo” nuovo che al momento conta una manciata di video, ma che andrà a crescere settimana dopo settimana.

Gli youtubers si sono detti entusiasti dell’esperienza che stanno vivendo. Fabio Valvason lo ritiene «un nuovo inizio per tenerci stretta la nostra cultura e soprattutto mostrare anche agli altri quanto è importante». Dello stesso avviso anche Mattia Cantarutti e Federico Iob, nonostante non siano «i migliori a parlare friulano, l’abbiamo sempre ritenuta una lingua “di casa” ed è quindi molto importante riuscire a darle il giusto valore». Anche secondo Diego Scarsini «il friulano è un patrimonio, capirlo un onore e saperlo parlare una fortuna, che bisogna condividere». Soprattutto se si pensa che a farlo sono dei giovani, ovvero il «il futuro. Il friulano, infatti, ha bisogno (anche) dei giovani». Per Davide Buccheri si tratta di «un’esperienza stimolante, dinamica e capace di unire tradizione e innovazione», ma anche «una bella opportunità per mostrare le bellezze e le diversità del Friuli e della nostra lingua», come ha ricordato Lucia Bello. Un’iniziativa supportata anche dall’aiuto di professionisti che «permette di avere un prodotto qualitativamente elevato», ha precisato Federico Benedet, non nuovo a questo tipo di attività. In chiusura Francesco Colombino ha detto di sapere «fin da subito che sarebbe stato un progetto importante e divertente, soprattutto per i compagni che ho trovato. Ad ogni modo, è sempre bello raccontare il proprio territorio, qualunque sia l’argomento, ma è ancor più interessante farlo in lingua friulana».


Podcast

Rate it
AD
0%