play_arrow

Podcast

ERT presenta Battiti Teatrali i cartelloni della stagione 2022/2023

today23 Settembre 2022

Sfondo
share close
AD
  • cover play_arrow

    ERT presenta Battiti Teatrali i cartelloni della stagione 2022/2023 Maria Musil


Prosa, musica e danza, l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia ha presentato i 28 cartelloni teatrali per la stagione 2022/2023 dal titolo “Battiti Teatrali”.
Nell’intervista da riascoltare ad illustrare la programmazione ai nostri microfoni ospite il Direttore dell’ERT Renato Manzoni.


Battiti Teatrali

Uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports nel 2020 da un gruppo di neuroscienziati dell’Università di Parma, coordinati da Martina Ardizzi e Vittorio Gallese, ha dimostrato che i cuori delle persone che assistono insieme a uno spettacolo dal vivo iniziano, spontaneamente, a battere all’unisono. Battiti Teatrali, lo slogan che il Circuito ERT ha scelto per le stagioni 22/23, vuole rappresentare proprio questo: l’impatto che lo spettacolo dal vivo ha su chi vi assiste e il senso di comunità ed empatia che genera l’andare a teatro, la decisione consapevole di prendere parte a un rito collettivo.
Anche quest’anno saranno 28 i Teatri nei quali provare a sincronizzare battiti ed emozioni, disseminati in tutto il territorio regionale, da Sacile a Pontebba, da Maniago a Muggia.


I Numeri

Saranno 206 le giornate recitative dei cartelloni 2022/2023 (11 in più rispetto al 2021/2022), 159 dedicate alla prosa, 21 alla danza e 26 alla musica. 98 i titoli in programma (a fronte dei 77 della stagione scorsa): 65 di prosa, 14 di danza e 19 di musica. Come da tradizione, grande è l’attenzione del Circuito per le realtà produttive regionali che saranno presenti con 17 titoli di prosa e 18 di musica per un totale di 59 repliche totali (38 per la prosa e 21 per la musica). Nel corso della stagione il cartellone musicale e di danza si arricchirà di ulteriori collaborazioni con rassegne e istituzioni del territorio che verranno presentate non appena le programmazioni saranno definite.


PROSA
Le proposte per quanto concerne la prosa sono sempre ricche e variegate. Ogni teatro presenta un cartellone pensato ad hoc di concerto con l’amministrazione comunale di riferimento e tenendo conto delle opinioni che il pubblico esprime in primavera attraverso un questionario di gradimento. Aprendo il grandangolo si può provare, però, a guardare alla programmazione in modo trasversale. Ecco alcune possibili istantanee.


Grandi ritorni

In programma nel 2022/2023 ci sono artisti che da qualche anno non calcavano le assi dei palchi ERT e che sicuramente il pubblico riabbraccerà con entusiasmo. Moni Ovadia riporterà in scena Oylem Goylem, lo spettacolo che lo ha fatto conoscere al grande pubblico ormai 30 anni fa; Marco Paolini si sdoppierà con la narrazione di Antenati, spettacolo che è legato al programma televisivo La Fabbrica del Mondo, e il progetto musicale Sani! che parla anche di crisi climatica e transizione ecologica; Enzo Iacchetti sarà ospite con la divertente commedia Bloccati dalla neve, che lo vedrà recitare al fianco di Vittoria Belvedere; Gianmarco Tognazzi sarà il protagonista de L’onesto fantasma un testo metateatrale firmato dalla penna di Edoardo Erba in cui apparirà, in video, anche il compianto Bruno Armando, compagno di Tognazzi in tanti fortunati spettacoli visti anche in Regione (Il rompiballe, Prima pagina, Nemico del popolo); e Paolo Rossi che in Per un futuro, immenso repertorio sposa stand up comedy e Commedia dell’Arte.


Protagoniste

Sono tanti quest’anno gli spettacoli che hanno per protagoniste grandi interpreti del teatro e del mondo dello spettacolo italiano. Geppy Cucciari aprirà tre stagioni in novembre con Perfetta, l’ultimo monologo scritto da Mattia Torre, in cui l’attrice sarda dimostrerà che le sue doti interpretative non sono legate solamente ai registri della comicità; Lella Costa, vincitrice la scorsa stagione del premio del pubblico del Circuito ERT con La Vedova Socrate, sarà in scena con due spettacoli: Se non posso ballare… non è la mia rivoluzione, una sfilata di donne che hanno fatto la storia (il testo è di Serena Dandini, la regia di Serena Sinigaglia) e l’intimo Le nostre anime di notte, adattamento teatrale del romanzo di Kent Haruf del 2015, divenuto lungometraggio due anni dopo con Jane Fonda e Robert Redford; Amanda Sandrelli sarà Lisistrata di Aristofane, nel libero adattamento di un maestro come Ugo Chiti e con gli interpreti dell’Arca Azzurra; Maria Amelia Monti e Marina Massironi si divideranno la scena nell’innovativo Il marito invisibile, commedia in videocall scritta e diretta da Edoardo Erba; Milena Vukotic con Maximilian Nisi (già assieme nel commovente Un autunno di fuoco) e Salvatore Marino sarà sul palco con A spasso con Daisy, testo vincitore del Pulitzer per la drammaturgia nel 1988; Antonella Questa porterà nuovamente in Circuito la sua analisi socio-economica del nostro Paese con Affari di famiglia.


Protagonisti

In cartellone ci sono spettacoli che hanno per protagonisti attori, comici, cantanti e “cantattori” di chiamata. Un amico del Circuito, che aveva tenuto a battesimo la riapertura post-Covid nella primavera del 2021, è Gioele Dix che arriverà in stagione nel 2023 con La corsa dietro il vento, un omaggio a Dino Buzzati e ai suoi racconti; Elio aprirà diverse stagioni in novembre con Ci vuole orecchio, anche in questo caso un omaggio, ma al “poetastro” Enzo Jannacci; Corrado Tedeschi sarà sul palco per la prima volta assieme alla figlia Camilla, proprio per indagare i rapporti genitori-figli, con Partenza in salita; Fabio Troiano si cimenterà in uno degli spettacoli più conosciuti del “Signor G”, Il Dio Bambino; sempre in tema di omaggi a icone culturali, Simone Cristicchi assieme ad Amara ripercorrerà parte del repertorio di Franco Battiato in Torneremo ancora, e con l’Orchestra dell’Accademia Musicale Naonis diretta da Valter Sivilotti affronterà un personale viaggio nel Paradiso dantesco; mentre la comicità prenderà le sembianze di Ale e Franz con Comincium, Paolo Cevoli con Andavo ai 100 all’ora! ed Enrico Bertolino con il suo Instant Theater.


Da non perdere

Le tante proposte e i tanti nomi che hanno grande richiamo sul pubblico talvolta rischiano di far passare sottotraccia alcuni spettacoli che, invece, rappresentano delle gemme da non perdere. Tra queste il delizioso Cetra… una volta, omaggio al quartetto Cetra con Toni Fornari, Stefano Fresi ed Emanuela Fresi; le due proposte di Jurij Ferrini con i giovani attori del suo Progetto URT, entrambi classici shakespeariani: Sogno di una notte di mezza estate e Otello; Tradimenti del premio Nobel Harold Pinter, un triangolo amoroso affrontato a partire dalla sua conclusione per risalire fino alla genesi, diretto da Michele Sinisi; e un inedito Giacomo Poretti, sul palco con Daniela Cristofori, in Funeral Home.

Tutti i dettagli sono disponibili su www.ertfvg.it e sul numero monografico di “Spettacolo in regione”, la rivista che raccoglie tutta l’attività dell’ERT. Una copia può essere richiesta gratuitamente chiamando lo 0432/224211 o inviando una e-mail a [email protected]


Podcast

Rate it
AD

Punto Zero Caffè

con Barbara Pernar
0%