Home / News / Belli e buoni, a Radio Chef i brunch di primavera

Belli e buoni, a Radio Chef i brunch di primavera

Ancora una puntata che profuma di primavera a Radio Chef, aspettando un fine settimana ricco di appuntamenti scopriamo gustose idee per colazioni e brunch belli e buoni e che sappiano dare il giusto sprint di energia durante il cambio di stagione. Qui la puntata completa:

LE RICETTE DELLA SETTIMANA
Per una colazione o un brunch dolce Paola di Udine ci propone i suoi  “French toast” in versione vegana

INGREDIENTI: farina di ceci q.b., latte di soia, zucchero, cannella, fette di pane in cassetta.
PROCEDIMENTO: mescolare in una ciotola la farina di ceci con il latte, la cannella e lo zucchero, intingere le fette di pane e riporle in padella. Rosolare fino a quando il pane non risulterà leggermente abbrustolito o dorato. Guarnire a piacere con cioccolato o frutti di bosco caldi e miele.

Il commento della nutrizionista Claudia Casarsa: è una ricetta interessante che integra ingredienti importanti, proteici, la frutta e zuccheri che in questo caso vengono assimilati in maniera più rallentata, rallentando così il picco glicemico. Si presenta perciò come una ricetta per una colazione saziante ed energetica.

LA COLAZIONE DEL CAMPIONE
Uno dei pasti principali della giornata, la colazione. Il termine collatio deriva dal latino, dai monaci dal medioevo quando al tempo era il pasto serale, “l’atto di portare alcunchè insieme ad una determinata adunanza“. Poi il termine è stato utilizzato anche dai laici cambiando poi nel XV-XVI secolo rappresentando proprio la cena. Successivamente i francesi e gli inglesi l’hanno portato al primo pasto della giornata ed è stato ereditato come termine anche in Italia.

La colazione è un pasto che non si dovrebbe mai saltare, ci fornisce la prima energia al risveglio e deve essere ben composta, c’è chi predilige il salato, indicato in particolare per chi svolge un’attività intensa perché apporta un’energia che viene rilasciata lentamente, chi il dolce, come anche da tradizione italiana. Spesso qualcuno può trovare faticoso mangiare ma sarebbe opportuno trovare delle soluzioni, meglio se facendosi aiutare da un nutrizionista per eliminare questa “cattiva abitudine”.

Ottime idee sono, ad esempio, una buona torta fatta in casa, i pancake che sono molto versatili anche per gli intolleranti al glutine sostituendo la farina di legumi o senza glutine, il muesli con frutta disidratata e frutta secca lipidica, il porridge preparato con i fiocchi di avena e frutta fresca, fette biscottate con la marmellata senza zuccheri aggiunti, ma sono veramente tantissime le proposte da scegliere in base ai gusti.

UN TOCCO DI DOLCEZZA, PER TUTTI
In viaggio in un luogo dolcissimo con Barbara siamo andati a scoprire le prelibatezze della Pasticceria Da Ily di Trieste per tutti coloro che vogliono godersi il piacere dei dolci senza rinunciare al gusto con un occhio di riguardo alle intolleranze. Una passione nata da un’esigenza, quella di Ilaria, celiaca dalla nascita ma con la voglia di far assaporare a tutti qualcosa di buono, perché, vogliamo sfatare il mito, non è detto che il “senza glutine” non sia buono! Belli e buoni Ilaria propone tutti i dolci, anche i più tradizionali, alla sua maniera, senza lattosio e senza glutine, giusto per ingolosirvi un pò: l’elegantissima Sacher, i coloratissimi Macarons, pasticcini, torte personalizzate… con una ricerca sempre di qualità e certificati per il senza glutine. Pronti per un pò di dolcezza?

UN BRUNCH SALATO
E per chi ama il salato?  Prepariamo insieme il “Patè di tonno al pepe verde” e le “Piadine di patate” una ricetta moldava di Andrea di San Lorenzo Isontino.

PATÈ DI TONNO AL PEPE VERDE
INGREDIENTI: 350 g tonno sott’olio, 100 g mollica di pane ammollata e poi strizzata, 2 filetti di acciuga, 150 g burro morbido, 4 tuorli, prezzemolo tritato, 1 cucchiaio brandy, salsa worchester, 1 cucchiaiata di pepe verde in salamoia, sale.

PROCEDIMENTO: frullare la mollica di pane ammollata con il tonno sgocciolato e i filetti di acciuga. Unire i tuorli sodi e tritati uno alla volta. Unire il pepe verde sgocciolato, il prezzemolo tritato, qualche goccia di worchester e il brandy. Mescolare bene e aggiustare di sale. Foderare uno stampo con pellicola bagnata e strizzata e riempirlo con il patè livellando e pressando bene. Passare in frigorifero per 2-3 ore. Sformare su un piatto da portata e accompagnare con piccoli panini di pane briosciato.

PIADINE DI PATATE (ricetta moldava)
PROCEDIMENTO: lessare le patate con la buccia. Una volta cotte, ancora calde, togliere la buccia e passare allo schiacciapatate. Aggiustare di sale e aggiungere a poco a poco della farina e impastare bene. Formare delle palle dello stesso peso da lasciar riposare per almeno 30 minuti. Stendere con il mattarello ad un’altezza di circa mezzo centimetro. Scaldare una padella antiaderente con abbondante olio (le piadine non dovranno essere totalmente immerse). Cucinare le piadine per 3 minuti circa per lato. Guarnire a piacere: caponata oppure prosciutto cotto ma anche prosciutto crudo, stracchino e rucola… sbizzarrite il gusto e la creatività!

LO YOGURT, PROTAGONISTA DELLA COLAZIONE
Un elemento immancabile nella colazione è lo yogurt! Nato per caso, la sua scoperta si deve a un microbiologo di origine ucraina che voleva scoprire il segreto della longevità nella popolazione bulgara che ne faceva molto uso e scoprì che al suo interno erano presenti dei batteri e così il nome Lactobacillus Bulgaricus che ha portato il microbiologo a vincere un Premio Nobel nel 1906.
Perché lo yogurt a colazione? Innanzitutto è un sostituto del latte, ma la percentuale dello zucchero del latte, il lattosio è molto bassa perché digerito dai batteri presenti e le stesse proteine che contiene sono anch’esse più digeribili. È ricco di potassio, di fosforo delle vitamine B e D. Si presta a preparazioni sia dolci, come le bowl con frutta e cereali e i frullati a base di frutta e yogurt, che salate, come lo tzatziki greco, la raita indiana con yogurt, cipolla, cetriolini, scalogno, polvere di curry, cumino e prezzemolo frullati insieme ottima con il pollo o i legumi e la maionese bulgara con l’aggiunta di tuorli di uova sode, cipolla, cetriolini e curry. Le avete mai provate?

GLI EVENTI DEL TERRITORIO
VIGNETI APERTI
Dal 20 marzo le cantine del Friuli Venezia Giulia sono pronte ad accogliervi con una nuova iniziativa: Vigneti Aperti, un evento durante il quale protagonisti sono gli incontri e momenti conviviali, sempre nel segno della sicurezza, nei bellissimi vigneti della regione. Un’occasione per tutti di conoscere e apprezzare le eccellenze enogastronomiche del territorio. Ogni settimana esperienze all’aria aperta tra visite ai vigneti e/o in cantina, aperitivi in vigna, laboratori sensoriali, picnic, visite e percorsi guidati nei vigneti, Cene con il Vignaiolo, concerti e molto altro ancora. Per scoprire tutti gli appuntamenti in programma: www.mtvfriulivg.it e tutti gli aggiornamenti su www.turismofvg.it
Ospite della puntata Massimo Del Mestre coordinatore di Cantine Aperte

UN BIEL VIVI
Dopo l’annullamento di due edizioni a causa della pandemia, dall’8 al 10 aprile Buja ospiterà la XXIII edizione della rassegna enogastronomica delle Pro Loco del Consorzio Pro Loco Collinare, Un Biel Vivi. L’evento vedrà la partecipazione delle Pro Loco di Buja, Brazzacco, Flaibano, Majano, Montegnacco, Moruzzo, Ragogna, Vendoglio e Vilegnone, ognuna con le sue specialità culinarie in una cornice di divertimento. Tutti i dettagli e il programma sulla pagina Facebook @prolococollinarefvg
Ospite della puntata Roberto Geretto Presidente Consorzio Pro Loco Collinare

Pronti per una nuova puntata? Radio Chef vi aspetta ogni giovedì alle 12.15 e in replica al sabato sulle nostre frequenze, in streaming e in diretta video sulla pagina Facebook, il canale Youtube “Radio Punto Zero” e sulla nostra webTV

Prova anche

Radio Chef in viaggio nella cucina etnica

A Radio Chef sbarca la cucina etnica tra ricette e tipicità da provare da tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 − 15 =