ascolta live streaming 
Home / Archivio Podcast / “Perché prima l’Italia? Aspetti medici, geografici e pianificatori del Covid-19”: un approfondimento con UNITS

“Perché prima l’Italia? Aspetti medici, geografici e pianificatori del Covid-19”: un approfondimento con UNITS

“Perché prima l’Italia? Aspetti medici, geografici e pianificatori del Covid-19”
È stato depositato uno studio multidisciplinare da parte di studiosi delle università della Basilicata, di Cagliari, Trieste e Sassari, che mette in relazione la diffusione del SARS-Cov-2 in Italia con le particolari condizioni climatiche, atmosferiche, ambientali, geografiche ed economiche che si ritrovano nella Val Padana, evidenziando delle similitudini con quelle di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina.

Il gruppo di ricerca è composto da ricercatori nel campo dell’urbanistica e della pianificazione (Ginevra Balletto – Università di Cagliari; Beniamino Murgante – Università della Basilicata), della geografia umana ed economica (Giuseppe Borruso – Università di Trieste) e della epidemiologia e della medicina (Paolo Castiglia e Marco Dettori – Università di Sassari).

Il lavoro svolto, realizzato in poco più di un mese, ha portato il gruppo a costruire un’ampia banca dati di indicatori relativi a clima, atmosfera, ambiente costruito, demografia e situazione medica della popolazione, nonché riferita agli aspetti più strettamente legati al SARS-Cov-2, quali contagi e decessi.

Basandosi su metodi di analisi spaziale, il gruppo di lavoro ha ricostruito un inedito indicatore di mortalità da SARS-Cov-2 a livello provinciale, che ha confermato una mortalità superiore alle attese nel Nord Italia e nelle province padane in particolare, mentre nel resto d’Italia questa si è mantenuta in linea con l’anno precedente, se non inferiore.

Sono state evidenziate delle relazioni molto forti tra questo indicatore, una scarsa qualità dell’aria e l’aumento del consumo di suolo, nonché con alcune caratteristiche dell’area, soprattutto l’ampia mobilità pendolare e la dimensione e la densità medie degli insediamenti.

Ai microfoni di Radio Punto Zero ad approfondire lo studio e i suoi risultati il professor Giuseppe Borruso docente dell’Università di Trieste:

 

Il lavoro è stato inviato alla rivista Sustainability ed è attualmente in fase di valutazione peer review sulla rivista MDPI – Sustainability. I pre-print sono stati depositati presso la banca dati ad accesso aperto “Preprints” e consultabile al seguente indirizzo: https://bit.ly/GeoCovid19

 

 

Prova anche

Il depuratore di Servola apre le sue porte ai cittadini

Lo sapevate che Trieste ha l’unico depuratore al mondo che…”parla con il mare” e che …

Più spazio alla vostra sicurezza con le soluzioni di Marcolin Covering

Questa settimana a “Casa 2.0” ritorniamo a parlare di soluzioni sicure ed efficaci adatte alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 3 =