ascolta live streaming 
Home / News / Perpetuum Jazzile

Perpetuum Jazzile

Perpetuum Jazzile è un gruppo musicale sloveno, venuto alla ribalta internazionale per la cover a cappella di Africa dei Toto, il cui video a novembre 2015 ha totalizzato oltre 18 milioni di visualizzazioni su YouTube. Fondato nel 1983 con il nome di Gaudeamus Chamber Choir, è composto da un notevole numero di cantanti uomini e donne. Essi vengono occasionalmente integrati dagli strumentisti della Slovenian Radio and Television Big Band. Il coro si esibisce soprattutto a cappella, con uno dei suoi membri, Sašo Vrabi?, come percussionista vocale.
Musica
Ispirato inizialmente da Gene Puerling, The Singers Unlimited, e The Swingle Singers, il coro interpreta brani musicali in stile bossa nova, swing, funk, gospel e pop.

Il loro repertorio comprende arrangiamenti di brani di Toto, Daft Punk, David Guetta, Lady Gaga, Michael Jackson, Earth, Wind & Fire, Billy Joel, ABBA, David Bowie, Joni Mitchell, George Benson, e di molte altre leggende della musica. Negli ultimi anni, nei loro concerti trova posto anche un numero crescente di composizioni originali[1].

Direzione
Fondato nel 1983 da Marko Tiran, la direzione artistica del coro è passata nel 2001 a Tomaž Kozlev?ar,[2] e, dieci anni dopo a Peder Karlsson.[3]

Storia

Andraž Slakan dirige i Perpetuum Jazzile durante un concerto dell’ottobre 2015
Nel 2006, Perpetuum Jazzile registra l’album ?udna no? (Strana notte), edito da Dallas Records,[4] e si esibisce in un concerto con Mansound (da Kiev, Ucraina).[5] Organizzano poi un seminario di jazz vocale a Lubiana con Ward Swingle, fondatore dei Swingle Singers.[senza fonte]

La loro interpretazione di “Africa” dei Toto ottiene gli elogi del co-autore del brano, David Paich,[6] e i Toto li invitano sul palco durante il loro concerto del 2011 a Udine.[7][8]

Sempre nel 2011, il gruppo intraprende un tour mondiale che ottiene il tutto esaurito in Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Canada e Stati Uniti.

Ogni autunno, il gruppo si esibisce in alcuni concerti serali chiamati Vokal Xtravaganzza nella Cankar Hall di Lubiana, con ospiti dalla Slovenia e dall’estero, come gli sloveni Alenka Godec, 6Pack ?ukur, Alya, Oto Pestner, Jan Plestenjak, e Nuša Derenda, e gli stranieri Vocalica (Italia), The Real Group (Svezia), Mansound (Ucraina), BR6 (Brasile), The Real Six Pack (Germania).[9]

In occasione di un’esibizione del gruppo al Politeama Rossetti di Trieste il 3 febbraio 2014, il direttore organizzativo e secondo tenore della formazione, Bostian Usenik, ha dichiarato:

« Il nostro segreto sta nella magia che riusciamo a sprigionare ovunque ci esibiamo. Non credo si possa pensare che dipenda solo dalla musica o dal nostro modo di lavorare con la musicalità, ma penso che sia lo spirito del gruppo e la nostra energia. Siamo molto amici, ci divertiamo, e questo si nota. Siamo come un grande mosaico in cui ci sono tantissimi tasselli che presi singolarmente hanno la loro importanza, ma che quando vengono messi uno vicino all’altro, generano un risultato sorprendente»[10] »
(Bostian Usenik)
Nel 2015 i Maraaya, il duo musicale sloveno che ha rappresentato la Slovenia all’Eurovision Song Contest 2015 con il brano Here for You, ha anche pubblicato un video in cui il loro brano è accompagnato dai Perpetuum Jazzile[11]. Il 19 giugno 2015, il gruppo si è esibito durante la Giornata Nazionale slovena all’Expo 2015 di Milano[12] Nell’autunno dello stesso anno Perpetuum Jazzile ha realizzato il suo primo tour in Cina con un concerto nella Guangzhou Opera House di Canton.[13]

Peder Karlsson, noto specialista svedese di canto a cappella, reclutato nel 2011 come direttore artistico del gruppo, ha detto di loro in un documentario sul gruppo:

« La prima volta che ho lavorato con Perpetuum Jazzile, abbiamo provato una canzone che avevo scritto intitolata ‘Anything can happen’ [Tutto può succedere]. Sono stati davvero fantastici. Secondo me, dipende dall’aver passato così tanto tempo insieme, e così la loro amicizia viene fuori nella musica[14] »

Sito web

Facebook

12894564_10208989825368630_1361998904_o

Prova anche

Trieste Next 2018: il 28, 29 e 30 settembre a Trieste si parla di scienza

Qual’è il confine tra biologico e biotecnologico? E’ questo il tema al centro della settima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 11 =