Le nostre dirette

Presentata dal Sindaco di Monfalcone la proposta di legge per modificare la normativa sui ricongiungimenti

today2 Settembre 2022 1

Sfondo
share close
AD

Rivedere la normativa sui ricongiungimenti familiari per rimediare agli effetti deteriori di carattere sociale che ricadono sulle amministrazioni comunali e, quindi, sull’intera comunità. Il sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, ha presentato un’articolata proposta di legge che affronta uno degli aspetti più controversi dell’immigrazione, alla presenza anche di diversi candidati alle elezioni parlamentari. Qui un servizio di approfondimento sul tema:

Monfalcone è la realtà della regione con la maggior presenza di stranieri, circa il 28% della popolazione, dovuta all’arrivo incontrollato di manodopera impiegata nel sistema dei subappalti del cantiere navale, spesso sottopagata. Da ciò sono derivate ricadute pesanti non solo nel mercato del lavoro, ma anche riguardo agli alloggi, alla rete scolastica e, soprattutto, nell’assistenza sociale, messa in crisi del diffuso abbattimento dei livelli di reddito per accedere ai benefici pubblici, assieme alla crescita dei fabbisogni.

“Abbiamo attentamente analizzato la normativa europea e quella di un Paese come la Germania confrontandola con la nostra – ha sottolineato il sindaco Cisint – e sono emersi distorsioni rilevanti che sono all’origine di conseguenze e disparità inaccettabili, a cui si deve rimediare quanto prima. Le questioni da affrontare riguardano i limiti reddituali, il requisito di permanenza minima di almeno due anni, l’obbligo di registrazione in Italia di matrimoni contratti all’estero e la certificazione dell’idoneità dell’alloggio rapportata al numero effettivo degli occupanti. Per quanto riguarda i requisiti reddituali – ha specificato il sindaco Cisint – attualmente per ricongiungere due familiari è sufficiente avere un reddito annuo di € 11.967,28 lordi, corrispondente a € 3.989,09 pro capite: un valore che non può garantire alcuna condizione di vivibilità decorosa, mentre la norma europea dispone la necessità di avere risorse stabili e sufficienti al mantenimento degli interessati. Anche rispetto all’alloggio, non è attualmente richiesta alcuna verifica delle reali condizioni di abilità. L’azione svolta in questi anni dal Comune ha dimostrato un diffuso fenomeno di sovraffollamento, con tutte le conseguenze igienico-sanitarie fiscali”.

Da qui l’elaborazione della proposta che prevede l’inserimento di correttivi mirati al testo unico sull’immigrazione che risale ancora al 1998. Una proposta basata su una dettagliata verifica giuridica sulla compatibilità con le disposizioni europee e che il sindaco Cisint intende sostenere, affinché il nuovo Parlamento possa trovare una soluzione atta a risolvere un tema particolarmente sentito della comunità locale. I primi riscontri sono emersi già nel corso dell’incontro: sia i candidati al Parlamento della coalizione di centro destra, sia i rappresentanti della Regione presenti, hanno manifestato l’impegno ad assumere il contributo predisposto dal Comune di Monfalcone come base dell’iniziativa nelle rispettive sedi istituzionali.

Scritto da: Maria

Rate it

Articolo precedente

In evidenza

Friuli Doc, presentato il programma della 28esima edizione

Udine si prepara ad inaugurare la 28esima edizione di FRIULI DOC, ricco il programma di appuntamenti e gastronomia. Prerogativa necessaria per una kermesse che non rappresenta solo un prodotto o un singolo settore, ma la celebrazione della cultura, delle tradizioni, dello spirito e delle eccellenze vinicole e gastronomiche di un territorio grande e variegato. L'inaugurazione, in programma il prossimo 8 settembre alle 17.30, sarà l'occasione per dare il via a […]

today2 Settembre 2022 2 4


0%