Home / Le nostre dirette / Risonanze Festival, a Malborghetto-Valbruna la natura fa da palcoscenico alla grande musica
Foto di Tiziano Gualtieri
Foto di Tiziano Gualtieri

Risonanze Festival, a Malborghetto-Valbruna la natura fa da palcoscenico alla grande musica

Ai margini e dentro al bosco, dove la natura è palcoscenico ed i preziosi abeti diventano musica, ritorna Risonanze Festival nei luoghi incantati di Malborghetto-Valbruna tra lo storico Palazzo Veneziano ed il Palco adibito nel bosco in Val Saisera, laddove cresce l’abete di risonanza ideale per la costruzione di strumenti musicali. Da giovedì 16 a domenica 19 giugno si potranno vivere e condividere quattro giorni di immersione nella grande musica con ospiti di fama internazionale, performances ed incontri dedicati alla liuteria e la visione di un capolavoro d’artigianato strumentale, il violino Stradivari Hegedus del 1692, oltre a dialoghi a cielo aperto prima dei concerti. Non solo, ormai è tradizione l’offerta che Risonanze dedica al benessere, con tante iniziative collaterali a misura di giovani, adulti, famiglie e bambini. Vita nel bosco e tante altre attività: baby risonanze, yoga, dog trekking, mountain bike, bagni di gong in natura, senza dimenticare la gastronomia con le migliori proposte della cucina mitteleuropea.

In questo servizio qualche anticipazione e le novità della settima edizione:

Ritorna così il “festival del legno che suona”, capace ancora una volta di proporre un cartellone di altissima qualità ed un programma variegato di proposte. Una manifestazione ideale per scoprire e riscoprire dal vero, nel cuore della foresta e nel centro abitato del borgo ricco di patrimoni d’arte locale, i segreti di un lembo di terra di confine, laddove Italia, Austria e Slovenia si danno la mano e risuonano insieme.

Un’esperienza da vivere a 360 gradi nel cuore delle Alpi Giulie, con ospiti rinomati musicisti, come il violoncellista Enrico Bronzi insieme con il quartetto VenEthos, L’orchestra del Gran Teatro La Fenice di Venezia con la messa in scena dell’Historie du Soldat di Igor Stravinskij, il duo Orazio Sciortino e Domenico Nordio con “Folk Songs”, l’atteso recital di Leonora Armellini, brillante pianista premiata all’ultimo Concorso Internazionale Chopin di Varsavia, il Trio di Parma, la FVG Orchestra diretta da Giancarlo De Lorenzo e la partecipazione del pianista Alexey Botvinov.

Inoltre esposizioni, come la mostra speciale a Palazzo Veneziano con protagonista il Violino Stradivari Hegedus del 1692, incontri con artigiani esperti nel campo della liuteria, corsi di yoga, forest bathing, dog trekking, escursioni, incontri con gli artisti, cene e aperitivi con il meglio della cucina mitteleuropea, spettacoli e diverse attività dedicate ai bambini.

Tutte le informazioni, i programmi e le modalità di prenotazione, per concerti tutti gratuiti come la maggior parte delle attività outdoor, sono presenti sul nuovo sito risonanzefestival.com

Prova anche

Hit the Road Jack, il nuovo singolo della 1000Streets

Hit the road Jack and don’t you come back no more, no more, no more, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

venti + due =