Home / Archivio Podcast / Time Lapse, un viaggio dalla letteratura all’arte

Time Lapse, un viaggio dalla letteratura all’arte

Cos’è Time Lapse?
Time Lapse, più che una rubrica è un viaggio nei ricordi della nostra terra, suddiviso in tappe ben precise, tra particolarità, curiosità e unicità che hanno contraddistinto la nostra storia. Ogni martedì alle 9.10 potete partecipare anche voi a questo viaggio attraverso le voci degli studenti Liceo Classico Europeo dell’Educandato Statale Collegio Uccellis di Udine della classe 5A, sezione internazionale a prevalenza tedesca, che prima in lingua italiana, poi in tedesco, ci guidano nel passato per approfondire le nostre conoscenze e accrescere la cultura del ricordo.
Il programma, che continua a farvi compagnia anche in questo periodo, fa parte del progetto “Erinnern für die Gegenwart”, promosso e finanziato dal Ministero degli Esteri tedesco, per far raccontare agli studenti la storia della propria scuola e l’ambiente storico di riferimento.

Nell’ultima puntata, che potete riascoltare in podcast qui sotto, Celeste e Matteo ci hanno portato a scoprire di più sulla letteratura delle macerie, fondata in Germania dopo la Seconda Guerra Mondiale. L’8 maggio 1945 è la data che segna la fine della guerra per la Germania. In un ambiente pieno di dolore e lacrime sorge un nuovo movimento letterario, la letteratura della macerie, anche detta letteratura del ritorno a casa o dell’ora zero, dove si possono trovare scritti riguardanti la guerra, ciò che si è visto, ma anche il ritorno in patria e quello che si è trovato. Guerra, ritorno e macerie sono infatti i tre temi che guidano questo filone letterario come spiega Heinrich Böll nella sua opera “Confessioni sulla letteratura delle macerie”. Con il termine “Maceria” si vuole andare a identificare un frammento di qualcosa di più grande, un tutto che si è distrutto. Diverse sono state le forme letterarie che si sono sviluppate da questo nucleo: i rappresentanti erano per la maggior parte superstiti della guerra e cercavano di disegnare un quadro realistico e veritiero del mondo del dopoguerra attraverso brevi racconti, sonetti, poesie e rappresentazioni teatrali. Tra questi ricordiamo Heinrich Böll, Wolfgang Weirauch e Günter Eich. Di particolare rilevanza è anche il gruppo 47, il più importante raggruppamento di scrittori tedeschi del dopoguerra fondato nel 1947 da Hans Werner Richter.

Per riascoltare la puntata, anche in lingua tedesca:

Prova anche

Il depuratore di Servola apre le sue porte ai cittadini

Lo sapevate che Trieste ha l’unico depuratore al mondo che…”parla con il mare” e che …

Al Teatro di Monfalcone arriva Giole Dix

Gioele Dix apre il 15 maggio  il cartellone di Prosa del Comunale di Monfalcone. L’attore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 4 =