ascolta live streaming 
Home / News / Radio Chef e gli Asparagi

Radio Chef e gli Asparagi

A “Radio Chef… sfida all’ultima ricetta” il nostro percorso alla scoperta del territorio, sempre più ricco e variegato, continua per sostenerci ancora di più in questo periodo più complesso e per sentirci più uniti anche grazie ai mille sapori del territorio. Ogni settimana siamo pronti ad accompagnarvi con tutte le indicazioni su come nutrirsi in modo corretto, su come fare una spesa consapevole, sui migliori prodotti del territorio da portare in tavola, sulle regole da seguire per una corretta raccolta differenziata, senza dimenticare il gusto delle ricette dei nostri ascoltatori. Protagonisti dell’ultima puntata i meravigliosi ASPARAGI di cui siamo andati a scoprire curiosità, proprietà, utilizzi e gustose ricette!

Continuate a seguirci per scoprire tutte le novità anche sulla nostra pagina Instagram @radio_chef dove ogni giorno potrete trovare nuovi spunti per creare le vostre ricette. Condividete anche voi la vostra gustosa ricetta inviando una mail a [email protected] o un messaggio Whatsapp al 3386116060, allegate anche una foto del vostro piatto: le più belle verranno subito ricondivise! Dolce o salato, per colazione, pranzo o cena aspettiamo tutte le vostre creazioni!

 

A TAVOLA CON LA NUTRIZIONISTA

Ad aprire la puntata insieme a noi la nostra nutrizionista di fiducia Claudia Casarsa che ci ha portato a scoprire qualche particolarità in più sui nostri asparagi.

L’asparago è in questo periodo un ortaggio di stagione. Ha poche calorie, un basso indice glicemico perchè povero di carboidrati ed è molto ricco di vitamine come la C e i folati e di sali minerali come il potassio ma è allo stesso tempo povero di sodio. Per queste sue proprietà è indicato sia per i diabetici che per gli ipertesi. Contiene inoltre molti antiossidanti come la quercetina e il glutatione perciò sono considerati anche ottimi depurativi e antinfiammatori. Presentano inoltre l’asparagina, un amminoacido, che contribuisce all’effetto diuretico di questo ortaggio. Sono indicati a chi soffre di stipsi per il loro alto contenuto di fibre e fanno molto bene all’umore perchè ricchi di triptofano, l’amminoacido precursore della serotonina!

Data però la loro ricchezza in sali minerali, gli asparagi presentano anche delle controindicazioni da tenere presenti soprattutto per chi ha problemi renali, per l’alta presenza di potassio, per chi soffre di malattie reumatiche, perchè ricchi di acido urico e di purine e inoltre per chi soffre d’insonnia sono meno indicati la sera perchè sono altamente energizzanti.

Vi ricordiamo che la nostra nutrizionista collabora con l’associazione Anvolt e si mette a disposizione per tutti i dubbi o per consigli nutrizionali per chi dovesse necessitarne all’indirizzo [email protected] o potete contattare direttamente la sede dell’Anvolt al numero 040416636

 

LA RICETTA DELLA SETTIMANA

Questa settimana vi proponiamo la ricetta del nostro ascoltatore Gianni con gli immancabili asparagi: INSALATA DI ASPARAGI, RISO E GAMBERETTI

Ingredienti per 4 persone: 250 g di riso (Vignola) biologico integrale, 250 g asparagi di Pagnacco, gamberetti, 1/2 cipolla di Tropea, succo di limone della Sicilia, grappa di Cividale, erba cipollina del Parco del Cormor, olio EVO di Oleis, sale e pepe.

Procedimento: Lavate gli asparagi di Pagnacco e pelateli eliminando la parte finale del gambo. Tagliateli a fettine sottili e tenete intere le punte. Tritate la cipolla e rosolatela in un tegame con sale e olio. Aggiungete gli asparagi e cuocete per circa 10 minuti unendo poca acqua. Completate con la preparazione dei gamberetti: sgusciateli, sfumateli in padella con la grappa e fate cuocere finchè non sarà evaporata. Lessate a parte il riso, fate raffreddare e aggiungete il condimento di asparagi e gamberetti. Condite con sale e pepe, il succo del limone, olio e erba cipollina. Buon Appetito!

Tornando a parlare di asparagi una curiosità che li riguarda è il fatto che vanno mangiati con le mani, naturalmente se ci si trova in famiglia, perchè portano in tavola gusto e allegria. Seguendo invece le regole del galateo questi ortaggi andrebbero portati alla bocca con la pinza dedicata oppure con la forchetta. Gli asparagi più prelibati sono quelli selvatici, ma si coltivano da lunghissimo tempo anche negli orti. Sulle tavole oggi portiamo tre diverse varietà: verdi, bianchi e violetti. In cucina si possono preparare al vapore, lessati in acqua; riducendo in purea la base dura dello stelo, per non sprecare nulla, potete creare delle buonissime minestre. Risultano ottimi anche nella preparazione di frittate, torte salate o risotti. Per facilitare la cottura e la scolatura nel lessare gli asparagi in acqua, legateli a mazzetti o cuoceteli nell’apposita asparagera.

ASPARAGI E ERBE AROMATICHE: questi ortaggi in cucina si abbinano bene al dragoncello, che presenta un sapore simile a quello dell’anice e del sedano, leggermente amaro e pepato e ha proprietà digestive e depurative. Viene utilizzato anche per aromatizzare uova, pesce, frutti di mare, o la carne. Il dragoncello è essenziale nella preparazione della salsa bernese, della salsa tartara e della salsa al dragoncello.

ASPARAGI SOTT’OLIO: per prepararli pulite circa 1 kg di asparagi eliminando la parte dura e bianca. Lavateli e poneteli in una pentola alta con 500 ml di aceto bianco, 500 ml di acqua e 40 g di sale grosso e cuocete il tutto per circa 15 minuti dall’inizio del bollore. Asciugateli e riponeteli in dei vasetti coperti di Olio EVO chiusi ermeticamente. Lasciateli riposare per 2 mesi.

UN AIUTO IN PIU’ CON L’UTENSILE GIUSTO

Per rendere i vostri piatti speciali e per un aiuto in più in cucina ma anche per i vostri hobby e per il fai da te è importante avere a portata di mano l’utensile giusto. Noi di Radio Chef ci affidiamo agli esperti nel settore come Affilautensili Natisone! Insieme a loro potrete scoprire l’utensile più adatto a ogni tipologia di lavoro dalla cucina al taglio del legno, metalli, plastiche ma anche hobbistica, casa, ristorazione, boschivi e tanto altro. Qualità elevatissima del prodotto, cura artigianale e precisione delle lavorazioni di ogni tipo di utensile, unita ad una accurata selezione delle migliori aziende produttrici, sempre nel massimo rispetto e considerazione nei confronti del proprio cliente. Sul sito www.affilautensili.com potrete farvi un’idea di tutte le tipologie di prodotti e scegliere quelli più adatti a voi.

 

LA CORRETTA RACCOLTA DIFFERENZIATA: I RIFIUTI ORGANICI
Dopo avervi raccontato di più la scorsa settimana sulla raccolta differenziata ai tempi del coronavirus (qui le indicazioni) anche in questa puntata continua il percorso insieme ad AcegasApsAmga alla scoperta dei migliori consigli per il corretto conferimento dei rifiuti. A rispondere a ogni nostro dubbio e per orientarvi meglio in questo mondo, per quanto riguarda il Comune di Triest,e potete scaricare sui vostri dispositivi iOS e Android la App “Il Rifiutologo”.

Per quanto riguarda i nostri asparagi ma anche gli scarti di frutta e verdura, i filtri del tè e del caffè e tovaglioli, tutto questo va correttamente differenziato nel rifiuto umido organico per consentire così il riciclo di questi materiali per produrre il compost. A Trieste grazie alla combustione dei rifiuti nel termovalorizzatore di AcegasApsAmga, viene prodotta energia elettrica in grado di alimentare il consumo di circa 20.000 abitanti.

 

BIRRA E ASPARAGI? ABBINAMENTO PERFETTO
Anche la nostra Martina della Birra Campagnolo ha accettato la nostra sfida di abbinamento tra asparagi e birra. Ci avevate mai pensato? Sicuramente le ricette che si possono realizzare con questi ortaggi sono tantissime e tutte molto gustose. L’asparago risulta difficile da abbinare al vino a causa delle sue note amarognole; al contrario la birra contiene delle peculiarità che la rendono ideale per essere consumata con questo ortaggio: la morbidezza e la dolcezza del malto infatti contrastano e riducono la sensazione di astringenza dell’asparago. Tra le tante tipologie di birra le meno consigliate sono le IPA che andrebbero a rovinare il sapore della pietanza in quanto troppo intense e talvolta eccessivamente penetranti. Da preferire invece una weizen con la “Bora Ciara” Campagnolo, birra chiara di frumento ad alta fermentazione caratterizzata da un intenso profumo e gusto fruttato. Molto simili nel gusto dell’asparago selvatico sono le cime di germoglio di luppolo selvatico comunemente noti come bruscandoli che solitamente si gustano con le uova strapazzate. Il luppolo, ingrediente essenziale della birra ci dimostra come birra e asparagi possono andare a braccetto!
Aspettando la riapertura delle porte della sede del birrificio Campagnolo scoprite tutte le caratteristiche delle varie tipologie di birra con i nomi ispirati alla Bora di Trieste sul sito www.birracampagnolo.it
Scoprite anche tutti i consigli e le novità su Facebook “Birra Campagnolo” e Instagram.

Prova anche

TeatroVerdiTS: settimo appuntamento della rassegna estiva 2020

È  tutto al femminile l’appuntamento di stasera,  24 luglio, della rassegna estiva del Teatro Verdi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × uno =