ascolta live streaming 
Home / News / Radio Chef, il gusto del benessere

Radio Chef, il gusto del benessere

Con l‘inizio del mese di Maggio, iniziamo a dirigere la nostra mente e i pensieri verso la bella stagione, quest’anno forse anche un pò più del solito. Anche in cucina le cose iniziano a cambiare: la terra ci regala nuovi prodotti, i piatti iniziano a colorarsi di tonalità brillanti e la voglia di sperimentare abbinamenti freschi e gustosi si fa sentire sempre di più… è proprio qui che Radio Chef si fa vostro alleato: in ogni puntata tante nuove idee, consigli e ricettine per soddisfare ogni richiesta, dal dolce al salato, dal piatto dai gusti semplici a quello più saporito. E voi cosa preparate di buono oggi?

Inviateci le vostre gustose creazioni alla mail [email protected], per diventare anche voi protagonisti di una puntata con la vostra ricetta! Se la creatività non vi manca inviateci anche una foto del vostro piatto: le più belle verranno subito ricondivise sui nostri social!

Continuate a seguirci per scoprire tutte le novità anche sulla nostra pagina Instagram @radio_chef dove ogni giorno potrete trovare nuovi spunti per creare le vostre ricette. 

IL LEGAME TRA IDRATAZIONE E STRESS
Immersi nel pieno della stagione primaverile è bene non dimenticare di mantenere sempre idratato il nostro organismo. In particolare poi in questo periodo, caratterizzato da forte stress e da quella che possiamo chiamare ansia da rientro, una corretta idratazione può aiutare a fare la differenza a livello fisico e psicologico. Uno studio condotto dal Human Performance Laboratory dell’Università del Connecticut ha dimostrato come i neuroni, rilevato uno stato di disidratazione dell’organismo, riescono a segnalare subito questa carenza a quelle parti del cervello che regolano l’umore, causando nell’individuo ansia, stress e tensione. I ricercatori, per verificare questa tesi hanno effettuato test specifici su gruppi di giovani donne e uomini con cui valutare il rapporto tra l’idratazione e lo stress psichico. Se volete scoprire di più sullo studio riascoltate il podcast qui sotto.

E’ importante però scegliere un acqua che possa apportare i giusti nutrimenti al nostro organismo, equilibrata e che presenti buone proprietà come Acqua Dolomia: limpida, cristallina, si contraddistingue per il suo alto contenuto di ossigeno e per essere l’acqua più povera di sodio. Acqua Dolomia è l’acqua del territorio: sgorga dalla roccia delle Dolomiti Orientali in Val Cimoliana dalla quale assume le sue più nobili componenti, per poi arrivare dritta sulle nostre tavole nei suoi vari formati, in plastica riciclata o in vetro, sempre nel rispetto dell’ambiente. Acqua Dolomia vi aspetta per scoprire tutte le sue caratteristiche e le qualità che la rendono l’acqua giusta per voi anche sul sito www.acquadolomia.it o sui social Instagram e Facebook

 

A RADIO CHEF L’ANGOLO DEDICATO AI PICCOLI AMANTI DELLA CUCINA
A Radio Chef, il mese di Maggio si apre con una ricarica di energia, portata dalla nostra giovane vincitrice di Junior Bake Off Giorgia, pronta ogni settimana a stupirci con le sue gustose ricette. In questa puntata scopriamo una preparazione salata direttamente dal ricettario della nostra giovane amante della cucina:

TARTELLETTE SALATE

INGREDIENTI. Per le tartellette: 120 g farina, 80 g formaggio grana grattugiato, 80 g burro, pepe rosa. Per farcire: 100 g robiola o ricotta, 100 g lonzino, 100 g olive nere denocciolate, 2 filetti d’acciuga. Per la cipolla agrodolce: 1 cipolla rossa, 2 cucchiai zucchero, aceto di vino bianco q.b.

PROCEDIMENTO: Lavorate la farina con il formaggio grattugiato, il burro e il pepe rosa. Stendete l’impasto con il mattarello e iniziate a copparlo per ricavarne dei cerchi. Infornate questi ultimi a 190° per circa 10 minuti. Nel frattempo tagliate la cipolla a spicchi e cuocetela in un tegame con poca acqua, zucchero e qualche goccia d’aceto. A parte lavorate la robiola con le olive tritate e i filetti d’acciuga. Farcite metà biscotto con il composto, le fette di lonzino e coprite con un secondo biscotto. Servite con la cipolla agrodolce. Buon Appetito!

In questa prima parte della puntata di Radio Chef abbiamo seguito passo passo la ricetta della giovane Junior Bake Off Giorgia e siamo andati a scoprire di più sul legame tra stress e idratazione insieme ad Acqua Dolomia:

 

LE GUSTOSE NOVITA’ DI BIRRA CAMPAGNOLO
Spazio alle novità anche nel nostro angolo dedicato a Birra Campagnolo che si sta preparando a presentare l’uscita di alcune tipologie di birra in nuovi formati per accompagnare i vostri freschi aperitivi in terrazzo. Borin e Millefiori sono già passate per la fase dell’imbottigliamento nel formato da 0,75 l, due birre chiare a fermentazione mista, e sono disponibili sul sito www.birracampagnolo.it
Queste due particolari birre sono di facile abbinamento, per di più in alcuni casi specifici risultano azzeccatissime: Borin con le sue note fresche e leggere si sposta perfettamente con i fritti, come le frittole con l’anima (la ricetta qui: www.radiopuntozero.it/radiochef). Millefiori invece presenta quella nota in più conferita dal miele di tiglio che la rende amarotica, quindi perfetta in combinazione con cibi salati, come salumi e selvaggina, ma anche con piatti a base di asparagi e perfino con qualche dolce, meglio se tipico del territorio come la gustosa putizza. A brevissimo poi torneranno disponibili nei vari formati anche Refolo e Capriccio di Bacco. Per non farvi sfuggire nemmeno una novità firmata Campagnolo visitate anche le pagine social Facebook e Instagram “Birra Campagnolo” dove potrete seguire anche il processo di imbottigliamento in diretta. Per qualsiasi informazione o per usufruire anche voi della consegna a domicilio scoprite di più sul sito, e se avete ancora qualche dubbio potete contattare il birrificio Campagnolo alla mail [email protected] o chiamare lo 040 232306

Le bellissime bottiglie di birra Campagnolo, con le loro colorate etichette, si prestano perfettamente a qualche simpatico lavoretto di riciclo creativo. Potete ad esempio prendere delle piccole lucine, come quelle che si utilizzano per gli addobbi natalizi, inserirle all’interno della bottiglia e creare così una lampada innovativa e di vero effetto. Per gli amanti della birra più romantici le bottiglie possono essere utilizzate anche come porta candele semplicemente inserendo la candela nel collo della bottiglia e il gioco è fatto. Se il fai-da-te è nelle vostre corde potreste alzare il livello creando delle vere e proprie lampade o lampadari in stile industriale.

 

COME DIFFERENZIARE IL VETRO
Per quanto riguarda la raccolta differenziata non può mancare il giusto consiglio legato al corretto conferimento del vetro in collaborazione con AcegasApsAmga:

 

  • Per una raccolta di qualità del vetro, è fondamentale conferire solo gli imballaggi come bottiglie e vasetti.
  • Dopo il consumo, gli imballaggi di vetro vanno conferiti sfusi nel contenitore, senza utilizzare sacchetti e senza evidenti residui.
  • Attenzione ai bicchieri di cristallo, ceramica e pyrex che rappresentano i “falsi amici” del vetro e vanno gettati nell’indifferenziato.

Per qualsiasi dubbio sul corretto conferimento dei rifiuti cliccate sul sito www.gruppohera.it/rifiutologo oppure scaricate gratuitamente l’applicazione del “Rifiutologo” per iOs e Android che potrà aiutarvi ogni giorno nella vostre azioni quotidiane.

 

LA NUTRIZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: FAKE NEWS O VERITA’?
Con la nostra biologa nutrizionista Claudia Casarsa in questa puntata abbiamo voluto fare chiarezza sulle tante notizie che riguardano l’aspetto nutrizionale che si sono fatte spazio in particolare sul web in questo tempo di Coronavirus. Molti i titoli ad effetto che ci portano a riflettere: tanti di questi trasmettono un inevitabile impatto sociale con un peso emotivo di non poco conto. Con la dottoressa nell’intervista ci siamo soffermati in particolare su un articolo uscito recente che scrive “Coronavirus, il vino rosso può contenere la cura: al via i test”.
Protagonista di questo studio è il resveratrolo. Cos’è?
Il resveratrolo è una molecola antiossidante, contenuta nelle bucce delle uve di Taurasi (pianta), dalla quale è stato ricavato e concentrato il principio attivo usato per questa sperimentazione clinica: esso può contribuire a difendere il nostro organismo da diverse patologie. Quello che però ci ha colpito di più è che per ottenere i benefici con l’integrazione usata nel modello sperimentale dovremmo bere almeno 10-11 litri di vino al giorno, cosa impensabile, anche perchè i radicali liberi indotti dall’alcol sarebbero più dannosi rispetto ai benefici del resveratrolo. Il vino non riuscirà mai ad avere una concentrazione utile di questo antiossidante per essere terapeutico. I titoli molte volte tendono a trarci in trappola, per attrarre la nostra attenzione.
Da lettori, dobbiamo cercate di selezionare i dati proposti e approfondire la loro veridicità per non condividere notizie ingannevoli. Vi ricordiamo anche che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha posto delle linee guida per l’assunzione di sostanze alcoliche che dobbiamo sempre tenere a mente.

Se volete approfondire l’argomento e scoprire di più anche sul tema degli integratori alimentari riascoltate il podcast dell’intervista:

Vi ricordiamo che la nostra nutrizionista collabora con l’associazione Anvolt e si mette a disposizione per tutti i dubbi o per consigli nutrizionali per chi dovesse necessitarne all’indirizzo [email protected]ice.it o potete contattare direttamente la sede dell’Anvolt al numero 040416636

 

Prova anche

Il depuratore di Servola apre le sue porte ai cittadini

Lo sapevate che Trieste ha l’unico depuratore al mondo che…”parla con il mare” e che …

MissClaire con Igor Damilano

Una puntata all’insegna di dove e cosa fare in pochi gg nella nostra regione. Puntata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 13 =