fbpx

Primi

CREMA DI CAVOLO E PATATE CON CROSTINI AL TARTUFO

today21 Novembre 2023

Sfondo
share close
AD

di Ilaria Giulianini di Trieste

INGREDIENTI
• 1 cavolo bianco
• 3 patate medie
• Pane da abbrustolire q.b.
• Olio al tartufo q.b.
• 100 g formaggio Fontal (facoltativo)
• 500 ml di brodo vegetale
• Sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Lavare i porri, prendere le foglie più verdi e scottarle in acqua bollente per 2 minuti.
Ricavare delle striscioline, serviranno per chiudere i fagottini. Affettare la parte bianca a rondelle e cuocere a fuoco dolce con un filo d’olio per circa 20 minuti. Aggiungere il latte, aggiustare di sale e pepe e continuare la cottura fino a che il latte risulterà assorbito. Una volta raffreddato unire la robiola, il grana, della noce moscata e mescolare. In un’altra padella far rosolare l’aglio con un filo d’olio. Aggiungere il salmone tagliato a dadini, regolare di sale, pepe e timo e cuocere per 2-3 minuti.
Preparare le crespelle e adagiare al centro 1 cucchiaio del composto di porri e 5-6 cubetti di salmone. Chiudere i fagottini con le striscioline di porro e disporli su una pirofila oleata. Riporre in forno statico a 200°C e cuocere per 10 minuti circa.

Vino consigliato: Ribolla Gialla Spumante Brut di Zuccolo

Lo sapevi che...

Perché si dice che “i bambini nascono sotto i cavoli”? È un’espressione dolce e fantasiosa per spiegare ai più piccoli l’arrivo di un nuovo nato. Il cavolo, considerato da sempre un simbolo di fertilità e rigenerazione, veniva raccolto dopo nove mesi dalla semina, proprio come il tempo di gestazione dei bambini. La raccolta dei cavoli inoltre era compito esclusivo delle donne, che venivano chiamate levatrici, e da qui l’associazione alla nascita.

Scritto da: Igor

Rate it

RPZ at Night

il notturno d Radio Punto Zero
0%